Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Appuntamento con la Storia
11/04/2013 08:42

La giornata si ieri sarà ricordata come un momento storico per i mercati finanziari. Non, come avrebbe potuto essere, per lo scoppio di una guerra potenzialmente devastante e nucleare in Corea, che al momento rimane soltanto una minaccia. Piuttosto perché si è materializzato quell’appuntamento da tempo fissato per l’indice SP500 con i suoi massimi storici. Complici le banche centrali, che continuano a pompare liquidità senza limiti sui mercati, l’indice USA più rappresentativo e comprensivo ha superato di slancio (oltre 10 punti) quota 1.576 che rappresentava il precedente massimo storico realizzato nel lontano  11.10.2007, esattamente 4 anni e mezzo orsono, e su cui terminò il lungo ciclo rialzista alimentato dai titoli tossici.
La storia della finanza si nutre di paradossi. Un extra-terrestre che atterrasse ora sul nostro pianeta faticherebbe a capire i motivi di tale entusiasmo. Non li troverebbe negli asfittici numeri della ripresina americana e giapponese, né in quelli cinesi, che sono lontani dalla crescita a due cifre del 2007, e men che meno in quelli addirittura recessivi pubblicati in questi giorni in Europa. Non avrebbe modo di entusiasmarsi nel vedere la situazione debitoria mondiale, che continua a gonfiarsi imperterrita, questa volta per colpa dei debiti pubblici più che per quelli privati. Non troverebbe motivi di gaudio nemmeno nelle aspettative sugli utili trimestrali che nei prossimi giorni verranno diramati, dato che il consenso degli analisti si attende addirittura utili del primo trimestre 2013 fermi o addirittura in calo per le società che compongono l’indice SP500.
La sorpresa del marziano raggiungerebbe poi livelli ancora più alti nel guardare il nostro listino italiano.
Nel giorno in cui l’Europa comunica un allarme per i nostri squilibri economici e contabili, riesumando addirittura la paura dell’effetto contagio per l’intera area euro, e il nostro governo vara il DEF dove si dà ufficialmente addio alle prospettive di ripresina nel secondo semestre, rivedendo pesantemente al ribasso (-1,3%) le prospettive ufficiali di (de)crescita del PIL e sensibilmente al rialzo (130%) il rapporto debito/PIL previsto per il 2013, il nostro listino sale di oltre il 3%, come se si fosse improvvisamente fatto governo, capo dello stato ed abolizione dell’IMU in un colpo solo.
Evidentemente non bisogna farsi troppe domande e pretendere troppa aderenza con l’economia reale. Occorre limitarsi alla constatazione che tecnicamente quando si fanno nuovi massimi il trend è ben lontano dal manifestare preoccupazioni e sconta un futuro roseo.
Chi è scettico ha ragione, ma quel che conta, dal punto di vista operativo, non è trovare una logica in quel che succede, ma aderire al comportamento del mercato, anche quando sembra non avere alcun senso.
La motivazione del rialzo è esclusivamente speculativa. La bolla si sta gonfiando a ritmi che dipendono dalla velocità delle rotative che stampano le banconote per conto delle banche centrali. Oppure i mercati vedono già quel che ancora non appare all’orizzonte. Spesso succede. Non sempre.
Facciamocene una ragione. Non stracciamoci le vesti ora che tutto ci sembra così insensato e non sorprendiamoci poi per i disastri che creerà lo scoppio della bolla. E’ molto probabile che capiti, ma non sappiamo quando la membrana speculativa arriverà al punto di rottura. Queste sono le regole del gioco imposto dalle banche centrali. Se non ci piacciono, nessuno è obbligato a giocare.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.   Prova 1 mese GRATIS!

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  Prova 1 mese GRATIS!

In più avrai la possibilità di partecipare ai Webinar settimanali online riservati agli iscritti a GOLD e GAP.