Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Fatelo Smettere !
28/03/2013 08:41

La Settimana Santa che stiamo trascorrendo si sta rivelando una settimana di passione anche per i mercati europei e soprattutto per quelli italiano e spagnolo. Questi due paesi sono infatti individuati, a torto o a ragione, come i prossimi candidati a sperimentare il “metodo Cipro”. Le vendite diffuse che si notano su questi due paesi fanno pensare ad un aumento significativo della percezione del rischio che debbano richiedere aiuti all’Unione Europea in caso di difficoltà a piazzare il loro debito in asta, e quindi possano essere soggetti all’autoflagellazione (spremitura di risparmiatori e cittadini mediante pesanti tassazioni straordinarie) come abbiamo visto imporre a Cipro.
Ecco perché ieri abbiamo assistito, sul nostro mercato, oltre all’ennesimo calo dell’azionario causato in particolare da vendite sui bancari, anche alla ripresa dello spread col Bund tedesco, che è tornato a quota 350, salendo di quasi 30 punti in un solo giorno. Inoltre l’asta di BTP di ieri ha mostrato rendimenti in calo sul titolo decennale ed in crescita sul quinquennale, realizzando cioè un appiattimento della curva dei tassi, che rivela un deterioramento della fiducia sulla capacità del nostro stato di rimborsare i debiti nei prossimi anni. E’ un chiaro  segnale di allarme.
Certo, a peggiorare l’immagine italiana è stato anche lo spettacolo mandato in diretta streaming dell’incontro tra Bersani e i due maestrini del M5S, che ha dato francamente l’impressione di assistere ad una prova d’esame di terza media sostenuta da un anziano privatista esaminato da due supplentini alle prime armi, che alla fine lo bocciano, quasi dispiaciuti.
La vicenda umana di Bersani comincia ad avere del patologico. Rimane ancorato al suo “programma di 8 punti per il cambiamento” e si ostina non capire che l’unico cambiamento che potrebbe dare qualche possibilità di realizzare il programma sarebbe quello del nome del Presidente del Consiglio (pre-) incaricato.
A questo punto rivolgo un appello a chi lo frequenta e può parlargli: fatelo smettere!
Sembra di vedere l’anti-Schettino che non vuole abbandonare il comando della nave che ormai ha già imbarcato acqua fino alla cintola e si ostina a manovrare per evitare l’affondamento che è ormai compiuto. Cerchiamo un capitano De Palma che gli ordini: “Ora comando io: scenda da quella nave, ca..o!!!”.
Probabilmente fino a domani non rimetterà il mandato a Napolitano, che cercherà di fare il “governo del Presidente” probabilmente incaricando Pietro Grasso. Costui avrà la possibilità così di coronare una carriera fortunata, giocata tutta avanzando sulle macerie delle sfortune altrui. Fu così nel 2005 perla nomina all’Antimafia, quando venne messo lì al posto di Caselli, dopo la guerra che il governo Berlusconi fece al giudice torinese, con tanto di legge “contra-personam”, fatta apposta per escluderlo (fu poi dichiarata incostituzionale, ma ormai all’antimafia c’era Grasso). Poi è diventato Presidente del Senato al posto di Anna Finocchiaro perché bisognava strappare qualche voto ai grillini. Ora rischia di diventare Presidente del Consiglio passando sul cadavere affogato di Bersani. Non c’è male per uno che, a suo dire, qualche mese fa pensava di andare in pensione.
La sensazione che si prova all’estero è comunque quella di un paese completamente allo sbando, in piena guerra tra bande: quella dei “separati in casa” (PD), che già litigano tra di loro per la successione ormai inevitabile a Bersani; quella del Partito azienda (PDL) che ora si preoccupa di eleggere un Capo dello Stato che si dichiari pronto a concedere la grazia al padrone quando verrà condannato; quello dell’armata Brancalene dei grillini, che il loro leader fatica a tenere unita con lo scotch ed è costretto a controllare le truppe filmando le loro riunioni ed ordinando di dire sempre e comunque no a tutto, tra un insulto e l’altro sul suo blog.
Ci sarebbero anche i tecnici montiani, ma le prove di efficienza che ci hanno dato anche ultimamente, fanno accogliere a tutti con sollievo la rapida estinzione della loro specie.
Si sente proprio una grande necessità di risurrezione.
Ed allora Buona Pasqua a tutti!!

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

I CORSI DI TRADING A DOMICILIO

 

             IMPARA IL TRADING DA CASA 

Il nuovo percorso con 9 Webinar e 22 ore di formazione online per imparare da casa tua a fare il trading online con sodisfazione. Il primo Webinar è GRATIS.

                Clicca qui per saperne di più