Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Passata e' la tempesta, odo Bersani far Festa...
21/03/2013 08:44

La crisi cipriota si stia avvitando senza soluzioni, con le banche che sono state chiuse fino a martedì prossimo, per evitare fughe di capitali di massa prima che venga elaborata una soluzione, dopo la bocciatura dello scippo sui conti correnti. A questo punto diventa assai difficile fermare la corsa verso il default e probabilmente vedremo arrivare in soccorso i russi, che proteggeranno i loro soldi e lasceranno cuocere l’UE e le banche tedesche nel loro brodo. Dal pentolone dovrebbe poi uscire  l’esperimento dell’abbandono dell’area euro, che consentirà di codificare delle regole che saranno poi usate “erga omnes” in futuro.
Nonostante tutte le incertezze e le trappole che simile percorso contiene, i mercati hanno improvvisamente abbandonato i timori di inizio settimana e sono tornati a far brillare il sorriso smagliante che provoca la liquidità immessa dalle banche centrali. La tempesta cipriota è stata prontamente derubricata a semplice temporale primaverile e tutti i listini hanno rimbalzato in modo significativo. Gli indici più forti (l’americano SP500 e il giapponese Nikkei) sono tornati assai vicini o anche oltre i massimi della scorsa settimana, quelli europei più solidi hanno mantenuto intatto il trend rialzista e persino i più bastonati (l’italiano Ftse-Mib e lo spagnolo Ibex) sono riusciti a tenere per il rotto della cuffia ed allontanarsi dai supporti che li separavano dal baratro.
Torna ad affacciarsi il sole sui mercati, che per ora stanno dando affidamento al tentativo ormai imminente  di Bersani di formare un governo decente in Italia.
A rassicurare è la tattica camaleontica già adottata nello scorso week-end, che ha fruttato l’elezione dei presidenti di Camera e Senato, quest’ultimo grazie al voto decisivo di una quindicina di grillini, che si sono “ammutinati” al diktat del loro guru.
L’esperimento ha messo in luce la vulnerabilità del fronte a 5 Stelle, che ha difficoltà ad irreggimentare la buona fede di alcuni suoi esponenti, che, dovendo scegliere al Senato chi far vincere nel derby tra Mafia ed Antimafia, hanno scelto senza alcun dubbio il rappresentante della seconda squadra.
Bersani e tutti i media italiani, che tifano per lui, hanno immediatamente plaudito alla strategia, che sarà imitata anche nella formazione del governo. Infatti Bersani sta cercando figure di spicco ed esterne al partito, alle quali sia difficile dire di no, da affiancare al famoso programma di 8 punti, che nei titoli assomiglia molto al programma elettorale del M5S (nel dettaglio però ci assomiglia assai meno, anzi, se ne discosta abbastanza). Bersani spera di potersi presentare alle Camere ed ottenere i pochi voti che mancano, dato il sostegno scontato dei pochi montiani presenti.
I conti Bersaniani sono però stati fatti senza l’oste, che in questo caso sono addirittura due.
Il primo è Napolitano, che potrebbe non affidare il mandato pieno a Bersani, ma solo un mandato esplorativo. La differenza è sostanziale. Infatti nel primo caso Bersani potrebbe tranquillamente presentare il Governo e chiedere la fiducia al Senato entro il week-end e senza nemmeno andare a chiedere ufficialmente la fiducia a Grillo. Il bombardamento mediatico sul senso di responsabilità nel permettere al governo di iniziare a lavorare per la salvezza dell’Italia, potrebbe, nelle sue speranze, convincere qualche grillino a concedere la fiducia. Nel secondo caso invece sarebbe costretto a parlare ufficialmente con la delegazione M5S, dove Grillo farebbe uscire allo scoperto tutte le differenze programmatiche e compatterebbe i suoi parlamentari sul No a Bersani.
Il secondo oste è Bersani stesso, che non può essere certo presentato come figura di rottura col passato ed esterno alla Casta. I grillini questa volta non si troverebbero a dover scegliere tra due mali quello minore, come al Senato, ma ai loro occhi la scelta sarà tra la vecchia politica (camuffata con qualche nome eccellente e qualche ambiguo titolo programmatico) e la loro verginità.
Questa volta non c’è partita. Bersani non ha la minima possibilità di farcela. Per cui godiamoci questi due giorni di illusoria compiacenza dei mercati. La prossima settimana, quando il mondo si accorgerà che in Italia il vento è cambiato davvero, si riprenderà probabilmente a ballare e il nostro paese tornerà al centro della pedana.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.   Prova 1 mese GRATIS!

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  Prova 1 mese GRATIS!

In più avrai la possibilità di partecipare ai Webinar (almeno 2 al mese) riservati agli iscritti a GOLD e GAP.