Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Francesco, Premier subito
14/03/2013 08:26

Le borse azionarie ieri hanno fatto vedere la consueta faccia degli ultimi giorni, che in Usa è quella del solito rialzino, mentre in Europa quella dell’altrettanto solito ribassino. Poi hanno lasciato spazio alle fumate vaticane, che in serata ci hanno mostrato, quelle sì, un volto nuovo ed inatteso, ma soprattutto fuori dai soliti schemi di potere: Papa Francesco I, l’argentino Jorge Bergoglio.
Pare un segno dei tempi anche questo: le uniche vere e, forse, dirompenti novità arrivano al mondo dalla Chiesa Cattolica, l’istituzione che fa della tradizione la sua principale caratteristica e della continuità col suo tratto specifico.
Tornando ai mercati, la nostra derelitta Piazzaffari si è nuovamente distinta come fanalino di coda europeo, perdendo quasi due punti percentuali col Ftse-Mib, per colpa di un’asta BPT con rendimenti ancora in calo, che ha pesato sullo spread e sui titoli bancari. Siccome non sono mancati risultati societari deludenti (Enel), il cocktail ha prodotto l’ennesima scivolata del Ftse-Mib, che ha abbattuto anche quota 15.800 e sembra voler tornare a testare i minimi di area 15.400, su cui ha rimbalzato il 4 marzo e che rappresentano un supporto molto importante, dato che da lì passa in questi giorni anche la media mobile a 200 giorni, quella che viene spesso usata per discriminare tra l’impostazione rialzista e quella ribassista di lungo periodo.
Al di là dei valori assoluti, anche i grafici ci fanno ben notare che il nostro indice, rispetto agli altri europei, tra le elezioni del 25 febbraio e la partenza della Tobin Tax all’italiana, mostra una conclamata debolezza relativa e una sensibile riduzione dei volumi di scambio rispetto a gennaio e febbraio. Tutto ciò spiega molto bene quanto sia ora evitata la nostra piazza dagli investitori internazionali.
Non siamo ancora alla vera e propria fuga di massa dal nostro paese, paragonabile a quella che abbiamo visto a partire dal 2011 in Grecia, ma un certo abbandono dell’Italia, alla chetichella e senza strombazzamenti, i capitali internazionali cominciano a farcelo vedere.
Urge un capo del Governo che si chiami Francesco e si sposti con i mezzi pubblici, come il nuovo Papa.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.   Prova 1 mese GRATIS!

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  Prova 1 mese GRATIS!

In più avrai la possibilità di partecipare ai Webinar (almeno 2 al mese) riservati agli iscritti a GOLD e GAP.