Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Ultima Spiaggia
19/11/2012 08:35

Anche la scorsa settimana si è chiusa in negativo piuttosto pesante per quasi tutti i principali indici azionari mondiali, come quella che l’ha preceduta.
Dopo le elezioni americane i mercati sembrano aver perso tutto lo smalto che ha contraddistinto l’anno 2012 e stanno rapidamente restituendo gran parte dei guadagni.
I motivi di preoccupazione non mancano ed in settimana alle preoccupazioni per il Fiscal Cliff americano e la recessione europea (confermata dai dati preliminari sul PIL del 3° trimestre), si è aggiunta l’ennesima guerra in medio-oriente tra israeliani e palestinesi, come se le tensioni in Siria e la questione iraniana non bastassero.
I mercati azionari hanno perciò confermato tutte le ipotesi di correzione presentare in precedenza e generato un impulso ribassista piuttosto significativo. Questa volta l’epicentro del terremoto è stato individuato negli USA, non solo perché da lì è partita la correzione, ma anche perché lì ci sono state le onde ribassiste più significative. SP500 ha violato la media mobile a 200 periodi ed è riuscito a portarsi in area di ipervenduto con alcuni oscillatori (RSI e Stocastico); ha violato sia la trend line che sosteneva il movimento di breve periodo, partito ad inizio giugno dopo l’ultima correzione, ma anche quella che sosteneva il trend di lungo periodo, partito ad ottobre dello scorso anno.
Le indicazioni sono quindi piuttosto brutte. Il ciclo rialzista durato 3 anni a mezzo pare terminato. Il mercato dovrebbe essere entrato in un ciclo primario ribassista che dovrebbe esprimere una correzione ben più significativa di quella che abbiamo visto finora.
Però non tutto avviene in una settimana. Il rimbalzo che venerdì scorso SP500 è riuscito a mettere a segno, dopo la chiusura negativa delle borse europee, stamane dovrebbe tonificare le borse europee e potrebbe proseguire ancora un po’. L’eccesso ribassista deve essere recuperato, almeno in parte. L’entità del rimbalzo rappresenterà però veramente l’ultima spiaggia per chi vuole scommettere su una continuazione del ciclo rialzista e della ripresa americana e mondiale.
E’ necessario che venga recuperata al più presto la media mobile a 200 periodi (ora passa da 1.382) e che poi il mercato proceda a rompere la trend line ribassista che ora comanda il movimento correttivo (al momento è ben oltre quota 1.400, ma scende ogni giorno.
In mancanza di queste manifestazioni di forza dovremmo considerare i rimbalzi come semplici pullback confermativi del mercato orso. Pause di alleggerimento prima di nuove zampate dell’orso.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.     >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<