Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Se tutto fila liscio...
18/10/2012 08:38

Prosegue il rimbalzo dei mercati, per la terza giornata consecutiva, e rosicchia un altro po’ dello spazio che separa i listini dai massimi di metà settembre. L’indice SP500 è risalito fino a 1.460 ad una decina di punti dall’area dei precedenti massimi del 2012, grazie ai buoni dati provenienti dal settore immobiliare, dove a settembre i nuovi cantieri edili hanno raggiunto la cifra di 872.000, un valore che non si vedeva da 4 anni. Il mercato sta dando molta importanza al settore edilizio, poiché è un volano molto importante per l’eventuale consolidamento della crescita americana. Ieri non sono arrivate notizie eclatanti dal fronte delle trimestrali, anzi. Il settore tecnologico non ha partecipato alla festa rialzista per colpa di trimestrali un po’ deludenti da parte di IBM ed Intel.
Ma l’ottimismo nel complesso ha prevalso, come anche in Europa, dove lo spread ha addirittura fatto un tuffo al ribasso: quello italiano rispetto al Bund tedesco è sceso a 313 ed avvicina la soglia psicologica molto importante dei 300 punti. Quello spagnolo, grazie ai rumors sempre più insistenti di un Rajoy intenzionato a chiedere una linea di credito “prudenziale” al vertice dell’Eurogruppo che si svolgerà oggi e domani, ha addirittura quasi raggiunto i 360 punti.
L’affievolirsi dei timori ha ancora premiato il settore bancario italiano e spagnolo, con rialzi generalizzati e trascinato gli indici IBEX e FTSE-MIB in cima alla classifica dei rialzi di giornata.
A questo punto occorre chiedersi se l’euforia possa continuare anche oggi oppure se sia necessaria almeno una pausa di riflessione per smaltire gli eccessi di brevissimo periodo.
A fornire qualche dubbio agli investitori dovrebbe contribuire il dato debole sulla crescita cinese, comunicato stamane: +7,4% annualizzato nel 3° trimestre, sesto trimestre consecutivo di rallentamento. E’ un valore che farebbe saltare di gioia gli europei ed anche gli americani, ma per un colosso che per anni ci ha abituato a tassi di crescita a doppia cifra, segna una certa impressione di marcato rallentamento ed avvicina il tasso di crescita intorno al 6,5% che la Cina conobbe al culmine della violenta recessione mondiale del 2008-2009, da cui si riprese molto bene nei due anni successivi.
Se poi dalle trimestrali venisse qualche notizia non proprio entusiasmante (oggi sono previsti i conti di Google, Morgan Stanley, Microsoft e Verizon) e all’Eurogruppo le divisioni sull’Unione Bancaria e sulla tabella di marcia che Van Rumpoy proporrà per arrivare all’Unione Politica dovessero farsi troppo evidenti, è difficile pensare che gli indici possano continuare imperterriti a salire.
Certo, se tutto filasse liscio….

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.   Prova 1 mese GRATIS!

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  Prova 1 mese GRATIS!

In più avrai la possibilità di partecipare ai Webinar (almeno 2 al mese) riservati agli iscritti a GOLD e GAP.