Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Come non detto
26/09/2012 08:38

Come non detto. Ieri ho ipotizzato che i mercati azionari avrebbero tentato il recupero di quanto perso nelle due settimane passate, ed in effetti il comportamento degli indici europei, che hanno recuperato il segno positivo nel pomeriggio e chiuso quasi sui massimi di seduta, mi ha dato ragione.
Ma occorre fare sempre i conti con l’oste americano. Gli indici USA hanno assecondato la voglia di rialzo fino alla chiusura europea, grazie ai corroboranti dati pervenuti in giornata (indice dei prezzi delle abitazioni in rialzo e fiducia dei consumatori che è lievitata ben più delle ottimistiche stime). Poi però gli investitori USA hanno cominciato a guardare alle prospettive di utile delle società che tra una decina di giorni cominceranno a comunicare le trimestrali del terzo periodo dell’anno.
Allora è arrivata qualche paura, poiché Caterpillar ha annunciato un allarme utili per il peggioramento dell’economia mondiale e cinese in particolare, mentre anche la mitica Apple ha dovuto comunicare che gli acquisti nei primi giorni di vendite del nuovo iPhone non hanno certo avvicinato le stime più ottimistiche.
Sono scattate allora le vendite generalizzate e quelle prese di beneficio che nei giorni scorsi sembravano piuttosto blande e non in grado di danneggiare più di tanto la marcia trionfale dei listini, ieri hanno fatto accusare agli indici americani la più brutta chiusura degli ultimi tre mesi. Il minimo della scorsa settimana è capitolato e l’uscita dalla fase di congestione durata qualche giorno è stata al ribasso.
Sarà suonata la campanella che annuncia la fine della festa?
A giudicare dalla reazione che stamane sta arrivando dall’Asia sembrerebbe così, dati i diffusi cali che si intravedono ed il consistente tonfo dell’indice giapponese.
Facile allora prevedere un brutto gap ribassista anche sugli indici europei all’apertura di stamane, con conseguente continuazione della correzione, se anche in Europa verranno abbattuti i minimi della scorsa settimana da parte del Dax (area 7300). Il nostro FTSE-MIB trova invece supporto nel minimo di ieri, a 15.625. Se venisse superato al ribasso la correzione troverebbe un obiettivo ribassista intorno a quota 14.900, oltre cui sarebbe bene proprio non scendere.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA - ESTATE:  9 Video per imparare a fare bene il trading online.

Il primo webinar è gratis. Gli altri sono disponibili fin da subito e fino a fine settembre in edizione registrata.

Inoltre sarai iscritto al prossimo ciclo in diretta che partirà a settembre.

                                           SCOPRILI QUI