Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Convincere i mastini
30/07/2012 09:04

La scorsa settimana ha avuto chiaramente due facce. Prima dell’assai famosa dichiarazione da sceriffo di Mario Draghi di mercoledì scorso, i mercati azionari hanno proseguito l’avvitamento, con l’indice italiano a realizzare minimi al di sotto di quelli storici del 2009 e quello spagnolo a continuare la discesa.
La violenta svolta provocata da Draghi ha però consentito alle borse europee di chiudere la settimana in modo opposto a come l’avevano aperta.
L’indice Eurostox50 in due sedute ha recuperato tutto il calo di luglio. Quello italiano ne ha recuperato metà, ma è soprattutto quello americano SP500 ad impressionare, dato che ha confermato il trend rialzista di breve, superato il massimo precedente ed ha raggiunto 1.389, a contatto con la trendline che nasce dai due precedenti massimi dell’anno: quello del 2 aprile a 1.422 e quello del 1 maggio a 1.415.
Lo sfoggio di entusiasmo sulle parole di Draghi deve questa settimana essere messo alla prova dei fatti. I mercati hanno ignorato il fuoco di sbarramento della Bundesbank contro le intenzioni di Draghi di riprendere gli acquisti di titoli di stato spagnoli ed italiani per calmierare lo spread. In Germania si sta combattendo una dura battaglia sul dilemma Austerità-Solidarietà, che vede la banca centrale interpretare il ruolo di difensore dell’ideologia calvinista che lega il successo al rigore, mentre i politici al governo sono più propensi a concessioni solidaristiche per salvare l’euro.
L’opinione pubblica sembra per ora maggiormente a favore dell’ortodossia della Bundesbank, e questo spiega il susseguirsi di dichiarazioni in altalena da parte dei tedeschi, in attesa del 12 settembre, data del pronunciamento senza fretta della Corte Costituzionale sull’intero impianto della Governance salva euro.
Se l’impulso emotivo dei mercati ha anticipato i fatti, sulla base della fiducia in Super-Mario banker, sembra evidente che ora i mercati attendono un intervento concreto in settimana da parte della BCE, pena una delusione che potrebbe riportare gli indici sull’orlo dell’abisso che guardavano all’inizio della scorsa settimana.
I prossimi giorni Draghi dovrà vincere le resistenze dei banchieri tedeschi, che sono meno chiacchieroni dei politici, ma assai più tosti.
Se ci riuscirà potremmo avere un agosto da incorniciare. Altrimenti i mercati dovrebbero prendere ancora una volta atto di quanto in Europa sia facile parlare e difficile agire. Il Focus tornerebbe sulla drammatica situazione economica, sulla recessione che in Europa sta avanzando e sul rallentamento che in USA si sta sempre più evidenziando, anche se gli utili societari stanno ancora una volta battendo nella maggior parte dei casi le stime degli analisti.
L’incertezza è massima e nessun esito è più probabile del suo opposto.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.     >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<