Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

L'Apocalisse puo' attendere
29/06/2012 16:59

Monti non ha guardato ieri sera la partita Italia-Germania, ma qualcuno dei suoi “sherpa” deve avergli riferito dell’arma usata da Prandelli per battere i tedeschi: prendere l’iniziativa ed attaccare.
Allora ha cominciato ad alzare la voce e minacciare che in mancanza di scudo anti-spread non avrebbe votato il piano per la crescita, bloccando di fatto il vertice e tenendo in ostaggio gli altri leader, che pensavano di andare a nanna presto.
Siccome anche lo spagnolo Rajoy si è unito allo sfogo di Monti ed in qualche modo anche  Hollande, che aveva troppo interesse a far passare il piano crescita, suo cavallo di battaglia, l’attacco combinato ha rotto il muro dei no alzato fino a quel momento dalla Merkel ed ha provocato la seconda sconfitta tedesca della giornata, questa in campo politico.
Il risultato che Monti porta a casa è pertanto il meccanismo anti-spread, che
consentirà l’utilizzo dei fondi salva-stati ESFS e ESM per comprare titoli dei paesi che, nonostante siano in regola con gli impegni presi con l’UE, vengano ugualmente attaccati dalla speculazione internazionale.
Inoltre i medesimi fondi di emergenza potranno essere utilizzati direttamente per ricapitalizzare banche in difficoltà. La regia, sia per le operazioni di acquisto Bond che per la vigilanza bancaria europea, è stata ufficialmente affidata alla BCE, che finalmente si ritrova ad essere un po’ più simile alle altre banche centrali del pianeta. Tutto ciò dovrebbe avvenire senza le pesanti misure di commissariamento adottate finora per opera della famigerata Troika (BCE, FMI e UE) sui paesi che hanno attinto al fondo salva-stati.
Sembrerebbe una vittoria su tutta la linea, almeno da quel che si capisce dal comunicato ufficiale, anche se la Merkel, per l’esigenza di indorare la pillola ai suoi concittadini, ha puntualizzato che la troika dovrebbe comunque avere un ruolo nella partita.
E’ soprattutto la fissazione di una data precisa e ravvicinata (entro il 9 luglio prossimo) per la nascita del meccanismo anti-spread  e la definizione di tutti i dettagli operativi a rassicurare i mercati che questa volta il vertice ha partorito qualcosa di più concreto del solito. L’avvio dei mercati stamane è stato scoppiettante, con lo spread in forte calo (quello italiano verso quota 400, quello spagnolo ben sotto quota 500), le banche in forte rialzo e le borse italiana e spagnola a far da regine del mercato.
A differenza di altre volte però, si è assistito solo in minima parte, in mattinata, al tentativo di chiudere il forte gap rialzista. Il pomeriggio ha sancito la ripresa del forte rialzo, con variazioni giornaliere finora da record, a cui non eravamo più abituati. Il nostro indice è ben oltre il +5%, quello tedesco guadagna oltre il 4%.
Un’euforia sicuramente eccessiva, giustificata dalla chiusura di molte posizioni short, che puntavano su un esito catastrofico del vertice e che ora devono correre ai ripari frettolosamente.
Non dobbiamo dimenticare che il vertice non ha assolutamente risolto i problemi, ma li ha solo accantonati con una nuova iniezione di debito. Credo che più avanti, quando ci si risveglierà dal sogno di aver salvato l’euro, si scoprirà che i fondi salva-stati sono insufficienti a svolgere tutti i nuovi compiti assegnati e bisognerà aumentare la loro dotazione di capitale. Allora la Germania tornerà a colpire con i suoi no, poiché i tedeschi non hanno alcuna voglia di continuare a pagare più degli altri.
Come ha fatto giustamente notare  il guru Jim Rogers, se la malattia è il debito eccessivo, la cura non può essere la somministrazione di altro debito. Pertanto a suo parere l’Armageddon finanziario è stato solo rinviato, ma avverrà comunque. Personalmente sono abbastanza d’accordo, ma nulla vieta di fare un po’ di festa perché fino a ieri molti pensavano che lunedì i mercati non avrebbero nemmeno aperto, mentre oggi almeno questo scenario è stato smentito.
Insomma: l’Apocalisse può attendere.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.     >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<