Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Accanimento Terapeutico
22/02/2012 07:55

Giunta alla fine (provvisoria) la interminabile telenovela greca, sui media si cominciano a leggere, accanto ai tanti commenti entusiasti sponsorizzati dagli eurocrati e dai capi di governo, anche qualche riflessione meno allineata, generalmente da parte di chi non si accontenta delle versioni ufficiali edulcorate dagli interessi politici dominanti.
Si scopre allora che forse l’accordo raggiunto sulla euro-flebo d’emergenza per evitare la morte finanziaria del paziente greco serve soltanto a prolungare l’agonia per qualche altro mese; che inoltre è piena di effetti collaterali devastanti (la recessione proseguirà e l’impoverimento dei greci continuerà ben oltre il 2012); che saranno presto imposte altre dolorose amputazioni al tenore di vita, già compromesso, dei greci; che, se il paziente sopravvivrà, non tornerà certo alle funzioni normali, dato che per 20 anni almeno non si parlerà più di accedere al mercato dei capitali.
Insomma: appena si spengono le luci della propaganda franco-tedesca, tornano a prevalere le ombre di questa lunga notte europea, di cui la gestione della tragedia greca è stata un drammatico esempio. Nulla sarà più come prima. La Germania ha imposto il suo predominio e la sua cieca soluzione recessiva dei problemi, incurante delle sofferenze che debbono subire i popoli dei paesi che Monti chiama “del sud-est” e che altri hanno battezzato come “il Club Mediterranee”.
Terminata la euro-maratona politica, dovrebbe concludersi anche lo sprint dei mercati, che amano arrampicarsi sul muro della paura e che, come se sapessero con grande anticipo che alla fine ci avrebbero guadagnato le grandi banche, hanno espresso un rally che proprio ieri ha consentito all’indice SP500 di arrivare ad un soffio da 1.370, il massimo della primavera dello scorso anno, quando, come ora, ci si cullava sulle speranze di ripresa americana, che poi in estate subì un drastico ridimensionamento.
Allora però le speranze di ripresa erano generalizzate ed accoglievano anche l’Europa tra i virtuosi del PIL. Oggi l’America si ritrova a correre sola nel panorama occidentale, attorniata dal Giappone stagnante e dall’area euro in recessione.
Non sarà facile andare oltre, per l’indice SP500, che oltretutto arriva sulla resistenza stremato dalla lunga corsa e con evidenti divergenze ribassiste.
Lasciamo che siano i prossimi giorni a dirci che cosa ci attende.
Personalmente sarei piuttosto stupito nel vedere una ulteriore manifestazione di forza.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.     >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<