Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Il Lavoro prima di tutto
03/02/2012 16:52

I mercati azionari chiudono anche questa settimana sui massimi, estendendo il rally ben oltre le attese. Per il nostro indice è la quarta settimana di rialzo, per SP500 la quinta, per il Dax addirittura la settima consecutiva.
Il sereno sembra tornato anche nel cielo obbligazionario, con il tanto temuto spread BTP-Bund che ha passato praticamente tutta la giornata ben sotto il livello 380.
E’ un altro chiaro segnale che il nostro paese sta uscendo dal mirino dei cecchini speculativi anglosassoni, che sembrano orientati a sparare ora sul Portogallo, ritenuto bersaglio molto più facile.
Ad alimentare la salita sono ancora le voci sull’imminente accordo tra Grecia e creditori, che dovrebbe essere annunciato nel week-end, ma soprattutto oggi i mercati sono galvanizzati dal bel dato sul mercato del lavoro USA, che finalmente è riuscito a creare a gennaio 243.000 nuove buste paga. Era dall’aprile dello scorso anno che non si vedevano numeri così alti.
E’ un chiaro segno che la fiducia degli imprenditori USA sta crescendo, e questa evidenza è testimoniata anche dagli indici ISM, che misurano la fiducia dei manager delle principali imprese americane. Quello manifatturiero, mercoledì scorso, è balzato nuovamente ben oltre 50, mentre oggi quello del settore servizi è schizzato quasi a 57, molto più del 53 atteso. Ricordo che il livello che separa la fiducia nella crescita dal timore di recessione è appunto 50.
SP500 oggi ha superato anche la boa di 1.333, massimo della scorsa settimana e del rally in atto prima d’ora, e si dirige decisamente verso l’area 1.350-1.370, che ha fermato finora ogni tentativo di estensione del recupero azionario, dopo il grande crollo del 2008-2009.
L’area indicata è estremamente importante poiché, se il mercato USA riuscirà a superarla, archivierà definitivamente il mercato orso del 2011 e ripristinerà il trend rialzista di lungo periodo. L’obiettivo diventerebbe perciò senza alcun dubbio il ritorno alla vetta storica di 1.576, da cui ruzzolò l’11 ottobre 2007 per fermarsi a 667 il 3 marzo 2009.
La situazione degli indici europei è assai meno rosea, anche se tra essi occorre distinguere quelli che ancora riescono a rimanere agganciati al ritmo americano, come il Dax tedesco, molto più vicino ai massimi che ai minimi del 2011, da quelli come il nostro FTSE-MIB, che invece a quota 16.500 circa, non ha ancora recuperato nemmeno un terzo della strada che lo separa dai massimi del 2011. C’è chi tira e chi arranca, ma la direzione, per tutti, ora è a salire, fino a quando SP500 non arriverà alle resistenze indicate.
Lì l’orso piazzerà le ultime zampate e non è detto che non riesca a tramortire nuovamente il toro. Del resto, come dice il proverbio, non vendere mai la pelle dell’orso prima di averlo ammazzato.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.   Prova 1 mese GRATIS!

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  Prova 1 mese GRATIS!

In più avrai la possibilità di partecipare ai Webinar settimanali online riservati agli iscritti a GOLD e GAP.