Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

La Musica di Bernanke
26/01/2012 16:10

Mentre la BCE viene frenata dalle ritrosie tedesche e fatica a svolgere il ruolo di difensore dell’euro, dati i limiti alle politiche espansive che i guardiani della Bundesbank impongono al pur volonteroso, ma timido Draghi, Bernanke dà a tutti una dimostrazione di come si adempie al moderno ruolo di Banca Centrale nell’epoca della crisi finanziaria e come si può dare una mano ai politici in tempi di elezioni.
Sebbene dagli ultimi dati macroeconomici americani vengano indicazioni sempre più convincenti di ripresa (anche oggi gli Ordini di Beni Durevoli sono balzati ben oltre le attese), che giustificherebbero pensieri di riduzione degli stimoli monetari e una pausa alle presse che stampano allegramente dollari, ieri il comandante in capo della Federal Reserve ha dichiarato che la manterrà i tassi fermi a zero ancora per 3 anni e, come se non bastasse, è pronto ad ulteriori aiuti all’economia se l’occupazione non dovesse aumentare come si conviene ad un’economia in ripresa. Traduzione dal Bernankese: è in arrivo la terza puntata del Quantitative Easing: un’altra bordata di dollari freschi di stampa per monetizzare il debito di Obama e magari anche per salvare i bilanci di qualche banca che avesse troppa porcheria europea in portafoglio.
Questa dichiarazione è musica per le orecchie dei mercati, che oggi hanno celebrato la generosità di Bernanke con un nuovo balzo rialzista, immaginando nuove future opportunità di carry trade.
Stamattina l’asta di titoli triennali del nostro paese è andata bene (ma non è una novità sui titoli che scadono entro l’ombrello del rifinanziamento della BCE), i titoli bancari, che sono pieni di BTP, hanno ringraziato e impostato nuovi rialzi, lo spread si è nuovamente ridimensionato dopo il rialzo di ieri ed anche il tasso sui decennali sta scendendo verso il 6%.
Intanto l’ottimismo che si respira porta a scommettere nuovamente sull’esito positivo delle trattative tra Grecia e Banche Creditrici, che sono riprese oggi e beneficiano anche dell’attesa fiduciosa della Merkel.
Il mercato arriva addirittura a snobbare le nuove difficoltà che sta incontrando il Portogallo, che non ce la fa a centrare gli obiettivi di risanamento concordati e potrebbe necessitare di nuovi aiuti per non unirsi alla Grecia nel club dei paesi sull’orlo del fallimento.
Quando il mercato esalta le buone notizie e snobba quelle cattive o incerte significa una sola cosa: c’è euforia e a nulla serve la cautela.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

I CORSI DI TRADING A DOMICILIO

 

             IMPARA IL TRADING DA CASA 

Il nuovo percorso con 9 Webinar e 22 ore di formazione online per imparare da casa tua a fare il trading online con sodisfazione. Il primo Webinar è GRATIS.

                Clicca qui per saperne di più