Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Mercati in vista del bivio
10/01/2012 08:23

Mentre gli indici europei e soprattutto il nostro FIB sono stati schiacciati dalle difficoltà di Unicredit a portare a termine con successo il suo aumento di capitale, negli USA i listini hanno chiuso in moderato rialzo, dimostrando di voler proseguire ancora il rally in atto. A determinare l’andamento americano è stata soprattutto la trimestrale di Alcoa, migliore delle attese. Questa azienda tradizionalmente apre la stagione trimestrale dei risultati societari USA ed i suoi risultati vengono spesso considerati come un barometro in grado di misurare il clima generale.
Che il barometro segni tempo moderatamente sereno si intuisce, oltre che dal risultato americano, anche dai rialzi diffusi che stamane si vedono sui listini asiatici, che fanno ipotizzare una partenza in recupero anche per le borse europee.
Anche la nostra dovrebbe avvantaggiarsi almeno di un rimbalzo tecnico da parte di Unicredit, che ha raggiunto ieri livelli di ipervenduto veramente eccessivi e si è avvicinata assai al livello di 1,934, che farebbe fallire l’aumento di capitale. Un evento francamente inimmaginabile, contro cui lotterà con tutte le sue forze il pool dei comitato di garanzia.
Ci avviciniamo dunque ad un importantissimo test per l’indice americano SP500: l’area 1.293, che dista ormai solo 10 punti dalla chiusura di ieri. Questo livello, che ha segnato il massimo dell’ottobre scorso, è una resistenza piuttosto significativa, ma è anche l’ultima che separa l’indice USA dalla zona dei massimi del 2011 (l’area 1.350-1.370) e che impedisce il completo riassorbimento del drammatico calo dell’estate scorsa. L’impresa pare fattibile, anche perché nei giorni scorsi SP500 ha completato una figura di testa e spalle rialzista che avrebbe come obiettivo proprio 1.370 circa.
Se è vero che l’economia USA sta dando segnali consistenti di irrobustimento, la sua svolta verrà anticipata dall’estensione di questo rally sull’indice SP500. Se invece quel che ci dicono gli ultimi dati macro è soltanto un fuoco di paglia, ben difficilmente SP500 riuscirà nell’impresa e probabilmente il rally ha le ore contate.
In tutto ciò questa volta l’Europa non avrà il consueto ruolo di accompagnatrice delle decisioni prese a Wall Street, ma potrà influenzare la direzione americana con le decisioni che nei prossimi giorni verranno prese (o, ancora una volta, non prese) per aumentare le armi a disposizione della BCE in difesa dell’euro e del sistema bancario europeo.
Non resta quindi molto da attendere.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.   Prova 1 mese GRATIS!

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  Prova 1 mese GRATIS!

In più avrai la possibilità di partecipare ai Webinar (almeno 2 al mese) riservati agli iscritti a GOLD e GAP.