Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Insider Merkel
17/10/2011 16:48

La scorsa settimana si è conclusa ancora in rialzo per i mercati azionari, consentendo di conseguire importanti obiettivi.
L’indice SP500 in particolare ha raggiunto a 1.224 punti il bordo superiore dell’ampia area di oscillazione laterale che contiene il suo nervosismo a partire dal 9 agosto, quando si arrestò il violento impulso ribassista che da fine luglio, in poche sedute, causò l’inversione al ribasso del trend primario.
Anche l’indice tedesco e quello delle blue chip europee Eurostox50 sono tornati ai livelli massimi raggiunti dal primo rimbalzo dopo la forte ondata ribassista a cavallo dell’inizio di agosto, e, in qualche modo si trovano in una situazione simile a quella dell’azionario americano.
I risultati descritti sono stati raggiunti facendo unicamente affidamento sulle promesse delle autorità europee, che, senza abbondare in dettagli e senza fretta, tra un rinvio dei provvedimenti ed una promessa di intervento, hanno continuato anche nel Week-end del G20 a rassicurare su misure durevoli e definitive per risolvere la grave crisi sistemica che imprigiona le banche europee e l’insolvenza greca.
Ma il rally della fiducia comincia ad avere ormai il fiato corto e deve lottare contro ostacoli piuttosto impegnativi. Oltre l’area compresa tra 1.250 e 1.260 punti l’indice americano fornirebbe una indicazione di inversione rialzista del trend primario, con prospettive di ritorno abbastanza veloce sui massimi di questa primavera. Una prospettiva assolutamente incompatibile con uno scenario di recessione o anche solo di stagnazione e che smentirebbe smaccatamente tutte le indicazioni di ribasso fornite in piena estate.
Non bastano le dichiarazioni di intenti per convincere a cambiare così radicalmente idea.
Si spiega così il cambio di direzione odierno. Dopo una partenza positiva sulle ali delle dichiarazioni del G20 ed un ulteriore allungo rialzista mattutino, che ha portato il Dax tedesco a superare i massimi dei giorni scorsi ed il nostro FIB a ritestarli in area 16.550, è bastato che da Berlino si buttasse un po’ d’acqua sul fuoco dell’entusiasmo, facendo balenare qualche dubbio sulla possibilità di rapido accordo in Europa sul fondo Salvatutto, per provocare una brusca frenata, che, nel pomeriggio, in seguito ai dati macroeconomici USA negativi (i primi da alcuni giorni, non eravamo più abituati), è diventata un dietrofront con ritorno ben al di sotto dei 16.000 punti e voglia di ritornare verso i minimi di venerdì mattina.
Il nervosismo pertanto regna sovrano ed occorre molta cautela e pazienza nell’interpretare l’ampia volatilità in tutte le direzioni delle ultime sedute. Non si deve dimenticare che ogni esito è ancora possibile.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI