Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

SOLO UNA SOSTA AI BOX?
25/01/2023 09:15

Fatta l’impresa di abbattere la trendline, ora l’indice SP500, la guida dell’azionario USA e mondiale, deve farne un’altra: quella di resistere al pullback che molto spesso si manifesta dopo una prova di forza.

Ieri ne abbiamo già avuto una prima evidenza iniziale, con SP500 che ha passato tutta la seduta ad oscillare all’interno della barra giornaliera precedete, con un movimento intraday minuscolo rispetto ai due precedenti. Secondo una visione ottimistica può essere un semplice segno di stanchezza, di necessità di respirare un po’ prima di riprendere la corsa. Ma affinché questa lettura dei fatti regga occorrerà che il pullback non diventi inversione. Perché prendere un po’ di fiato ci sta, purché non si vada a smentire la prova di forza data lunedì. Come fare ad individuare il confine tra il salutare pullback e la nefasta inversione, è presto detto: occorre che l’indice principe non scenda sotto il minimo di lunedì, 3.971. Se sfondasse questo naturale supporto non solo ricoprirebbe a ritroso il forte movimento di breakout attuato lunedì, ma tornerebbe sotto la trendline appena superata e farebbe venire in mente ai molti che hanno comprato, pensando ad anticipare la fine del mercato orso, di essere finiti in una classica “bull trap”, un falso segnale delle mani forti per spennare i piccoli trader.

A ben vedere anche gli indici europei sono invischiati in una analoga indecisione, poiché dopo la sventola correttiva di giovedì 19 gennaio, che ha annullato su Eurostoxx50 le 5 sedute rialziste precedenti, il recupero si è fatto assai guardingo ed in tre sedute non è ancora riuscito a tornare ai valori del 18 gennaio, nonostante il potente traino di Wall Street.

Man mano che ci si avvicina all’appuntamento con le banche centrali di febbraio, lo scostamento tra la sensazione positiva dei mercati e l’aggressività confermata da FED e, soprattutto, BCE, per combattere l’inflazione ed ammazzarla prima che rialzi la testa, provoca un aumento di disagio in chi si è posizionato al rialzo guidato dalla narrativa che le banche fermeranno presto gli aumenti dei tassi.

Poi, personalmente, tra le preoccupazioni aggiungerei anche la guerra d’Ucraina, che i mercati hanno dimenticato per tanto tempo perché si è trascinata per mesi in uno stallo senza fine, ma che ora sono costretti a valutare, dopo l’escalation di USA e NATO, che stanno inviando i potenti carri armati in grado di spezzare l’equilibrio, e che spingeranno la Russia ad alzare il livello di aggressività.

La seduta di ieri non ha smosso gli indici dai valori del giorno prima. Oggi verificheremo se il movimento arriverà e da che parte avverrà.

Ho già indicato i parametri di supporto per SP500. La resistenza è a 4.040, massimi di lunedì. Se venisse superata (con conferma in chiusura di seduta) il viaggio verso 4.100 potrebbe riprendere, e quella vista ieri sarebbe stata effettivamente solo una sosta i box.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI