Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

L'AZIONARIO EUROPEO NON RIESCE A SCENDERE
15/11/2022 09:00

La settimana è iniziata in USA con qualche domanda più che legittima sull’eccesso di velocità con cui è ripartito giovedì scorso il rally di fine anno, sulla spinta del dato in calo dell’inflazione di ottobre.

Un eccesso di velocità che, se in USA è stato improvviso e sorprendente quanto il calo dell’inflazione ben oltre le stime degli analisti, in Europa è invece presente da più di qualche seduta.

Ieri si trattava di verificare se i segnali di ipercomprato di brevissimo termine (sul grafico a compressione oraria) accumulati venerdì scorso dall’indice SP500 avrebbero già richiesto una sosta ai box, e se quelli presenti sul grafico giornaliero di Eurostoxx50, che duravano da 4 sedute ed avevano raggiunto livelli proibitivi (77,8 sull’indice RSI14), sarebbero bastati a calmare gli acquirenti e consigliato prese di beneficio in Europa.

Ebbene, in USA lo stop è arrivato, nel modo più classico. La seduta è iniziata in leggero ribasso, ma quasi subito sono tornati i compratori, anche grazie alle buone notizie di tentativo di disgelo nei rapporti tra USA e Cina, con la storica stretta di mano tra Biden e Xi Jinping prima del G20 che inizia oggi a Bali. Così l’indice SP500 ha tentato nuovamente di attaccare il livello psicologico dei 4.000 punti, come già provò venerdì scorso, venendone respinto. Ieri è arrivato fino a quota 4.009, prima che le parole di un paio di membri FED, la vicepresidente Brainard ed il falco Waller provvedessero nuovamente a stoppare, alla maniera di Lebron James, l’euforia del mercato. Ciò che deve aver favorito le prese di beneficio, giunte copiose, credo siano stati soprattutto i concetti espressi dalla “colomba” Brainard, che ha affermato che presto il ritmo di aumento dei tassi sarà ridotto, ma ha subito dopo ribadito che “la FED ha ulteriore lavoro da fare” per ridurre l’inflazione. Praticamente le stesse parole dette da Powell nella conferenza stampa dopo l’ultima riunione FOMC della FED. L’averle ripetute anche dopo il dato dell’inflazione in calo sembra essere l’avviso ai mercati a non farsi illusioni sulla tanto invocata “pausa della FED”, per non ripetere l’errore già commesso un paio di volte, cioè confondere un ritmo più lento nell’aumento dei tassi con una politica monetaria meno restrittiva. Più chiaro di così…

Siccome i mercati, da giovedì scorso, si sono messi di nuovo in testa che presto arriverà la riunione senza rialzi, è parso logico a molti operatori mettere in tasca questa illusione e vendere.

Così SP500 nelle ultime due ore è solo sceso ed ha chiuso sui minimi a quota 3.957 (-0,89%). Risultato abbastanza simile per il Nasdaq100 (-0,98%).

In Europa invece non si è visto alcun passo indietro da parte degli investitori. Avendo chiuso prima delle dichiarazioni dei membri FED, le borse europee hanno evitato le vendite e collezionato l’ennesima seduta positiva, sfruttando ancora una volta l’inerzia positiva accumulata col doppio minimo del 13 ottobre. Eurostoxx50, che le sintetizza, si è portato a testare i 3.900 punti, per chiudere la seduta a 3.887,5 (+0,49%) e portare la serie delle giornate positive a 19 delle ultime 23. In questo modo RSI14 ha aggiunto un altro punto al record di eccesso rialzista ed è arrivato a 78,7.

Non dovrebbe esserci bisogno di avvisare che limiti di ipercomprato come quelli raggiunti ieri chiamano a gran voce la necessità di uno storno, e che ogni giorno che passa lo rende più probabile.

Perciò credo che occorra questa settimana armarsi di molta cautela e magari alleggerire i portafogli di investimento, o almeno coprirli un pochino.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.   Prova 1 mese GRATIS!

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  Prova 1 mese GRATIS!

In più avrai la possibilità di partecipare ai Webinar (almeno 2 al mese) riservati agli iscritti a GOLD e GAP.