Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

DOPO LA FED VEDREMO DIREZIONALITA'
21/09/2022 09:00

Non se ne può più. L’attesa per la riunione FED si concluderà questa sera e lo strano connubio tra volatilità intraday e lateralità multiday dovrebbe sfociare in un movimento direzionale, dopo che lo show comunicativo di Powell esaurirà (si spera) l’incertezza delle ultime sedute.

Queste ci hanno mostrato solo inutile agitazione, con movimenti che durano lo spazio di poche ore, seguiti da vampate opposte che li correggono. Col risultato che il livello chiave di 3.885 dell’indice americano SP500, che avrebbe dovuto fare da spartiacque tra la prospettiva del rimbalzo e quella dell’affondo verso i minimi dell’anno in area 3.600, è stato oltrepassato più volte nelle ultime 3 giornate di Wall Street.

Il rimbalzo di lunedì, con il ritorno al di sopra dell’area 3.885 aveva smentito i foschi presagi della seduta ribassista di venerdì scorso, quando quel livello, che era di supporto, venne sfondato ampiamente.

Ma la seduta di ieri ha rivitalizzato quel segnale ribassista, riportando l’indice SP500 nuovamente e profondamente al di sotto, per poi riavvicinarsi nell’ultima parte della seduta.

Il cambiamento di direzione trova la spiegazione principale nel nervosismo pre-FED, che ha portato anche ad un rialzo significativo di tutti i rendimenti: quelli a breve, soprattutto, con il Treasury biennale arrivato ad un solo punto base dal 4% di rendimento, ma anche quelli a lungo termine, dato che il T-note decennale ha toccato il 3,60% ed ha superato ampiamente anche il precedente massimo annuale di metà giugno.

Ma deve aver impattato anche il drastico peggioramento della situazione bellica in Ucraina. La Russia, dopo l’arretramento che ha dovuto effettuare in vasti territori del sud e del Donbass, in seguito alla contro-offensiva dell’esercito ucraino, ha deciso di alzare la posta ed affrettare il referendum, in precedenza solo minacciato, per l’annessione del Donbass alla Russia. Le conseguenze sono piuttosto significative, dato che l’esito favorevole è scontato. Quando il Donbass sarà territorio russo ogni attacco ucraino potrà essere considerato un attacco all’integrità territoriale russa e, secondo la dottrina bellica putiniana, trasformerà quella che finora viene chiamata “Operazione Militare Speciale”, in una vera e propria guerra, con l’impiego dei militari di leva, la mobilitazione popolare e, persino, la possibilità di utilizzare ordigni nucleari a corto raggio.

Non c’è dubbio che si tratti un’escalation significativa. Non a caso Putin ha drammaticamente annunciato un discorso alla nazione.

Così il pomeriggio europeo e la prima parte della seduta USA hanno collezionato ribassi consistenti. Eurostoxx50, che in mattinata viaggiava in buon rialzo, ha chiuso a -0,93% la sua sesta seduta negativa consecutiva e si è adagiato nuovamente poco sopra il pavimento di 3.450. Hanno perso più di un punto percentuale gli indici di Italia e Spagna, colpiti dalle prese di profitto sul settore bancario, reduce da rialzi significativi. L’effetto Putin ha colpito duramente la borsa di Mosca, che ha chiuso le contrattazioni con un calo di oltre -7%.

Wall Street, in attesa di Putin, si è appesantita fino a raggiungere, con SP500, il minimo di 3.827.

Ma il discorso di Putin, che doveva iniziare alle 19 europee, è stato misteriosamente rinviato. Perciò il sospiro di sollievo ha consentito a SP500 di recuperare parte del calo e chiudere la seduta a   3.855 (-1,13%).

Il misterioso discorso di Putin è stato poi trasmesso stamane, alle ore 8 europee. Putin non ha ancora usato la parola “guerra”, ma ha ordinato una mobilitazione parziale, chiamando al fronte una parte dei riservisti di leva che hanno già svolto una adeguata formazione. È la preparazione di una nuova fase della guerra, con il rinforzo alle truppe stanche e soprattutto è l’intenzione di non voler affatto trattare. Anzi. Non è mancata una frase piuttosto minacciosa all’Occidente: “Coloro che stanno cercando di usare il ricatto nucleare contro la Russia scopriranno che le carte in tavola possono essere rivoltate contro di loro. Non sto bluffando".

Il discorso di Putin ha provocato un risveglio negativo per i mercati europei, che in mattinata potranno tornare a riflettere sulla guerra e nel pomeriggio chiuderanno la seduta prima del comunicato FED sui tassi di interesse e della conferenza stampa successiva di Powell.

Toccherà Wall Street danzare il ballo della FED

Se il comunicato ufficiale e le parole del presidente FED saranno chiare, nette ed aggressive, come fu il discorso di Jackson Hole, che non a caso fu seguito da 6 sedute negative delle 7 seguenti, per i mercati non ci sarà spazio per imbastire un nuovo sogno di rimbalzo.

Ma potrebbe anche succedere che Powell pronunci qualche frase sibillina, in grado di fornire lo spiraglio giusto per incuneare nella mente degli operatori la speranza che la FED possa prendersi nei prossimi mesi una pausa o almeno un rallentamento nel ritmo della restrizione monetaria. Potrebbe bastare questo a ricostruire da domani narrazioni rialziste da parte degli ottimisti ad oltranza, che in USA sono una categoria per rappresentata a Wall Street.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.   Prova 1 mese GRATIS!

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  Prova 1 mese GRATIS!

In più avrai la possibilità di partecipare ai Webinar (almeno 2 al mese) riservati agli iscritti a GOLD e GAP.