Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

PREVALE ANCORA IL MORDI E FUGGI
19/07/2022 09:00

Poteva essere la volta buona… ma non lo è stata.

Gli indici USA, che guidano il resto dell’azionario, hanno fallito per ora anche il terzo tentativo di inversione di tendenza per porre fine al lungo e travagliato mercato orso di quest’anno.

Dal 17 giugno scorso l’indice guida SP500 ha attuato un primo discreto rimbalzo fino a 3.946 punti del 28 giugno, seguito da uno storno fino a 3.739 dell’ultima seduta di giugno. Da lì è partita la seconda gamba di rimbalzo che si è fermata l’8 luglio a 3.918. Un nuovo arretramento nelle 4 sedute successive ha portato l’indice a segnare il minimo di luglio (per ora) a 3.722. Il terzo tentativo di rimbalzo è quello più recente ed ha interessato le ultime tre sedute. Ieri, il significativo gap rialzista iniziale ha riportato l’indice a superare nuovamente quota 3.900, arrivando a breve distanza dal massimo del 8 luglio di 3.918. Era questa la resistenza da superare per poter trasformare il rimbalzo in un modello di inversione rialzista che avesse ambizioni più corpose dei classici mordi e fuggi che l’hanno preceduto. Ma l’entusiasmo iniziale è evaporato e nella seconda parte della seduta, quando l’Europa, ignara, aveva già chiuso la sua giornata con un discreto risultato, portandosi con Eurostoxx50 (+1% tondo) a contatto con la prima resistenza in area 3.510 punti, a Wall Street sono spuntate corpose prese di beneficio, che hanno cambiato la faccia della seduta americana, trasformando un rialzo iniziale dell’indice SP500 di circa un punto percentuale in un ribasso finale di -0,84%. Possiamo dare la colpa di questo voltafaccia alle trimestrali in chiaroscuro di Bank of America e Goldman Sachs, insieme al rialzo impetuoso del petrolio che ha riavvicinato quota 100 dollari al barile nella versione WTI Crude Oil, nonostante Biden abbia ottenuto (a parole) un aumento della produzione dell’Arabia Saudita per i mesi di luglio ed agosto per calmierare il mercato. Visti i rapporti ancora piuttosto tesi che si sono visti tra Biden e Bin Salman, per la nota vicenda del giornalista Khashoggi, di cui il leader saudita viene accusato di essere il mandante, non mi stupirei che la visita in Arabia Saudita diventi l’ennesimo flop di Biden, uno dei peggiori presidenti USA che mi sia capitato di vedere.

Non escludo che il calo di Wall Street è stato, più semplicemente, il frutto dell’ennesimo mordi e fuggi degli operatori di brevissimo periodo, che hanno comprato dopo aver constatato il rimbalzo del 14 luglio e ieri sono passati all’incasso quando SP500, arrivato a soli 16 punti dalla resistenza di 3.918, ha mostrato le prime incertezze.

Per ora la scivolata di SP500 si è fermata in coincidenza col minimo della seduta di venerdì scorso.

Oggi avremo una partenza negativa in Europa, per la necessità di allinearsi alla svolta americana, arrivata a borse europee chiuse. Poi verificheremo nel pomeriggio se negli USA l’indice guida vorrà proseguire la discesa, puntando ad un ennesimo ritorno sui supporti di area 3.720-3.740, oppure se questa volta le mani forti ricominceranno ad accumulare già al di sopra di 3.800.

Se così fosse sarebbe un’ottima notizia, perché potrebbe preludere ad un nuovo tentativo di attaccare le resistenze per attuare l’inversione. E forse quella sarebbe la volta buona.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA - ESTATE:  9 Video per imparare a fare bene il trading online.

Il primo webinar è gratis. Gli altri sono disponibili fin da subito e fino a fine settembre in edizione registrata.

Inoltre sarai iscritto al prossimo ciclo in diretta che partirà a settembre.

                                           SCOPRILI QUI