Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

LE BANCHE CENTRALI RASSICURANO?
16/06/2022 09:00

Il comportamento incerto e quasi sconcertante della BCE, unito al timore che la FED recitasse il medesimo ruolo, cioè quello della guida che ha smarrito la strada, ha indotto nei giorni scorsi una crisi di fiducia negli operatori, che hanno scaricato in poche sedute quote rilevanti di asset azionari ed obbligazionari, senza andare troppo per il sottile. Vedere SP500 perdere oltre il -10% in sole 5 sedute consecutive di ribasso ha dato la chiara impressione dello sbandamento degli operatori, che è seguito a quello dei timonieri monetari, colti dal panico per un’inflazione che per mesi hanno considerato transitoria ma che ora rappresenta il loro incubo.

Occorreva un messaggio rassicurante.

Ci ha pensato dapprima la BCE, che ha tenuto una riunione straordinaria sul meccanismo anti-spread, che giovedì era stato quasi ignorato dai comunicati e dalle risposte evasive della Presidente Lagarde in conferenza stampa.

Il decollo degli spread di Italia e Grecia dopo la riunione di giovedì ha obbligato la BCE ad una frettolosa riunione ufficiale sul tema, in cui, sebbene non si sia ancora decisa una strategia, è stato dato mandato ai tecnici della Banca Centrale Europea di preparare in fretta un piano operativo da sottoporre alla prossima riunione dei Consiglio Direttivo.

Il messaggio ha voluto infondere fiducia ai mercati obbligazionari ed azionari europei, specialmente quelli nei giorni scorsi più sotto pressione, che infatti per tutta la seduta hanno realizzato un deciso rimbalzo ed interrotto la serie negativa di 6 sedute. Eclatante soprattutto quello del FtseMib italiano (+2,87%), quasi il doppio della performance di Eurostoxx50 (+1,64%).

Wall Street ha atteso in positivo, ma senza esultare in anticipo, lo show della FED, che ha effettivamente alzato i tassi di ben 3 scalini, come i mercati hanno cominciato a temere da alcuni giorni, portandoli da 0,75-1% fino a 1,50-1,75%. È il rialzo dei tassi più aggressivo attuato dalla FED da quasi 30 anni. L’ultima volta che venne fatto un rialzo simile era novembre 1994. La FED ha anche pubblicato le previsioni sull’evoluzione futura dei tassi ufficiali da parte dei membri del FOMC. A fine anno dovrebbero arrivare al 3,4%, salire al 3,8% nel 2023 e tornare al 3,4% nel 2024. La previsione sull’inflazione è invece molto rassicurante, forse troppo. La FED guarda l’inflazione core PCE, misurata sulle spese dei consumatori e senza i prezzi di energia e alimentari. Questo indice a maggio è arrivato al livello annuale del 4,9%. La FED si aspetta un livello a fine anno al 4,3%, un po’ più alto di quanto previsto a marzo, ma più basso di dove è oggi. Il prossimo anno dovrebbe scendere addirittura al 2,7% e al 2,3% nel 2024.

In compenso la crescita prevista è stata ridimensionata al 1,7% questo ed il prossimo anno e al 1,9% nel 2024. Sono previsioni quasi dimezzate rispetto a quel che si prevedeva a marzo, ma il segno è comunque positivo.

Dall’insieme di queste previsioni ricaviamo che la FED si aspetta tassi aggressivi praticamente per 3 anni, che dovrebbero riuscire ad abbattere l’inflazione, mantenendo il sistema lontano dalla recessione. Sembra un mondo quasi ideale, quello del “Soft Landing”. La previsione del suo successo.

I mercati hanno reagito con parecchia volatilità, anche se è prevalsa la domanda e SP500 ha potuto chiudere in rialzo (+1,46%).

Tutto bene allora? Non ne sarei così sicuro e non venderei ancora la pelle dell’orso, per due motivi.

Il primo è che negli ultimi meeting FED la reazione a caldo dei mercati è stata spesso positiva, ma poi smentita nelle sedute successive, dopo le riflessioni notturne a mente fredda.

Il secondo è che c’è parecchio che non mi torna nelle previsioni della FED.

Se l’inflazione scenderà veramente quasi al target del 2% già il prossimo anno, che bisogno c’è di prevedere tassi ufficiali ampiamente sopra il 3% fino a tutto il 2024? Con tassi così alti mi sembra assai difficile che il PIL cresca di quasi il 2% nei prossimi anni e che si eviti la recessione.

Personalmente mi sento assai meno rassicurato di quanto i mercati ieri abbiano dato l’impressione di essere.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.   Prova 1 mese GRATIS!

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  Prova 1 mese GRATIS!

In più avrai la possibilità di partecipare ai Webinar (almeno 2 al mese) riservati agli iscritti a GOLD e GAP.