Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

TORO SEDUTO
26/05/2021 09:00

Se lunedì i mercati USA ci hanno mostrato la loro voglia di realizzare massimi storici superiori agli attuali, ieri ci hanno detto che il percorso che seguiranno sarà forse un po’ travagliato e non molto lineare. Infatti, dopo l’estensione vista lunedì del rimbalzo verso il massimo storico del 7 maggio, avvicinato fino a meno di 30 punti, ieri l’indice USA SP500 ha tentato, proprio nelle battute iniziali della sua seduta, di ridurre ancora le distanze, riuscendo a portarsi fino a 4.213 per rosicchiare altri 4 punti alla distanza che lo separava dalla vetta storica. Ma il tentativo è abortito quasi subito ed è stato seguito da un arretramento di nuovo ben sotto i 4.200 punti e da una chiusura di seduta con il segno meno (-0,21%). Cauto anche il Nasdaq100, che ad inizio seduta guadagnava quasi un punto percentuale ed alla fine ha faticato a mantenere il segno positivo (+0,12%).

Niente di drammatico, intendiamoci. Quello di SP500 sembra per ora un pullback verso la resistenza di 4.188, che è stata superata lunedì. Ora il mercato sembra voler verificare se si è trasformata in supporto. Comunque finché l’indice USA rimane sopra 4.150 non possiamo ancora classificare lo storno come significativo, al punto da etichettarlo come onda 2 di (v). Personalmente mi aspetto ancora un tentativo di rialzo verso i massimi storici prima che si concluda la prima onda di (v) ed arrivi lo storno un po’ più profondo.

Ieri chi cerca nei dati economici la molla per investire non ha trovato alcun aiuto. Quasi tutti i dati macroeconomici americani arrivati sui monitor hanno mancato le previsioni degli analisti. Il più importante, quello sulla Fiducia dei Consumatori americani sondata dal Conference Board, ha riportato per maggio addirittura un calo a 117,2, rispetto al 117,5 di aprile ed alle ottimistiche attese degli analisti di 119,2.

La scarsa voglia di osare che si è respirata in USA ha intimidito anche le borse europee, tornate alla normalità operativa. La mattinata è stata promettente, con diffuse positività e l’indice Eurostoxx50  che all’ora di pranzo ha realizzato il suo più alto valore del 2021 a quota 4.057.

Ma, appena si è capito che in USA non era giornata, si sono visti anche in Europa sensibili arretramenti, che hanno azzerato i guadagni del mattino. Eurostoxx50 ha terminato in parità, e da quelle parti anche i principali indici europei.

Intanto pare che la paura dell’inflazione si stia un po’ attenuando. Anzi, per meglio dire, non è che i prezzi mostrino di voler scendere, anche se nei giorni scorsi un po’ di correzione si è vista sulle materie prime industriali ed agricole. Quel che sembra tranquillizzare è il diluvio di rassicurazioni da parte di membri della FED e della BCE che le rispettive politiche monetarie non cambieranno, e che pertanto i tassi ufficiali rimarranno a zero e gli acquisti di titoli di stato, che stanno finanziando i copiosi deficit pubblici europei ed americano, continueranno a piene mani.

Perciò i rendimenti stanno di nuovo scendendo un po’. Sul decennale in USA si sono rivisti rendimenti inferiori al 1,6% e sul Bund tedesco si è tornati vicini al -0,2%.

L’unico asset ad essere sballottato come un fuscello al vento è il Bitcoin, che alterna movimenti giornalieri a due cifre percentuali. Da venerdì a domenica scorsa è sceso da oltre 42.000$ fino a 33.700$; lunedì è rimbalzato fino a quasi 40.000$; ieri è di nuovo sceso fino a 36.600$; ma stamattina, mentre scrivo, è di nuovo sopra i 40.000$. Tanto pane per i denti di chi ama le scariche di adrenalina.

Per la seduta odierna, a parte il Bitcoin su cui può succedere tutto quel che Musk ed i cinesi hanno voglia che succeda, dobbiamo verificare se la mia ipotesi, di vedere ancora una spinta al rialzo prima di uno storno, è esatta oppure campata in aria. Direi che comunque sono dettagli. Uno storno deve arrivare, magari anche piccolo, ed avrà il compito di preparare il grande balzo dentro l’onda 3 di (v), che ci porterà molto oltre gli attuali massimi storici di SP500.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI