Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

OTTIMISMO NERVOSO O NERVOSISMO OTTIMISTA?
11/02/2021 09:00

Lo smaltimento delle tossine accumulate con lo sforzo rialzista del mese di febbraio è proseguito sulle borse occidentali anche ieri. Mentre gli indici cinesi hanno accumulato, con un’altra seduta rialzista, quella dose di adrenalina necessaria per affrontare la lunga chiusura dei mercati per ben 5 sedute, dovuta ai festeggiamenti per il Capodanno cinese, gli indici europei ed americani hanno prodotto la seconda seduta consecutiva con andamento laterale e chiusura in modesto calo. Poca roba, quasi dappertutto compresa entro il mezzo punto percentuale di storno, con l’unica stranezza di vedere in USA in positivo solo il vecchio indice DowJones, che di solito sottoperforma, e il maggiore calo sull’indice Russell2000, che finora è quello che aveva corso di più.

Nulla che induca a pensare ad altro che a semplici prese di beneficio, non ancora così convinte da infastidire più di tanto la marcia degli indici, che rimane per ora saldamente orientata al rialzo.

Del resto anche ieri abbiamo assistito all’immediato arrivo di compratori quando è arrivata l’unica rilevante bordata di vendite, tra le ore 15,30 e le 16,45, immediatamente dopo una forte l’apertura di Wall Street, che con un gap significativo ha realizzato a 3.932 l’ennesimo massimo storico per l’indice SP500. Sono immediatamente scattati i realizzi, che in 75 minuti hanno causato una scivolata fino al minimo di seduta di 3.885. Una perdita di 47 punti (-1,2%) in così poco tempo, con sfondamento dei minimi delle due sedute precedenti avrebbe potuto innescare uno smottamento. Invece il soccorso dei compratori ha fugato le paure e riportato l’indice a chiudere un solo misero punticino al di sotto della chiusura del giorno precedente.

Il recupero intraday delle scivolate è una dimostrazione di grande fiducia di fondo. Ma il fatto che queste scivolate avvengano è un segno che qualche investitore comincia ad avere un po’ di nervosismo, per la mancanza di temi in grado di suscitare entusiasmo.  Ieri il mercato ha sentito l’ennesimo discorso rassicurante di Powell, che ha dichiarato di non temere una recrudescenza dell’inflazione e che continuerà a mantenere il ritmo di acquisti del QE pandemico a 120 mld$ al mese finché non vedrà miglioramenti significativi e duraturi su occupazione ed inflazione. Queste parole hanno prodotto la fiammata iniziale di Wall Street, subito seguita da prese di beneficio. Si tratta di rassicurazioni non nuove ed ogni volta che vengono ripetute producono sempre meno effetto. Ciò che potrebbe fornire un buon impulso sarebbe il varo del maxi-piano di aiuti da 2 trilioni di $, che però è in standby a causa dell’inutile processo di impeachment a Trump, che ora impegna il Senato.

L’Europa non ha niente di particolare nella bisaccia da offrire al mercato e si trascina al seguito di Wall Street come un cagnolino al guinzaglio. Eurostoxx50 ieri ha seguito il sussulto rialzista all’apertura di Wall Street, così come la scivolata successiva e la prima parte del recupero della borsa USA. Poi ha dovuto chiudere i battenti con un saldo lievemente negativo -0,35%, lasciando ad oggi il compito di recuperare, sempre che ci riesca, quel pezzo di strada che Wall Street ha già percorso dopo la chiusura europea.

Intanto, per i lettori che amano le emozioni forti ed i thriller, segnalo che il tam-tam di Reddit.com sta portando la folla dei giovani social-trader sul settore della cannabis. La canadese Tilray ieri è salita del 50% in un solo giorno, Aurora Cannabis ha fatto +21%. Prepariamoci a rivedere il film di Gamestop.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

I CORSI DI TRADING A DOMICILIO

 

             IMPARA IL TRADING DA CASA 

Il nuovo percorso con 9 Webinar e 22 ore di formazione online per imparare da casa tua a fare il trading online con sodisfazione. Il primo Webinar è GRATIS.

                Clicca qui per saperne di più