Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

IL RISVEGLIO DELL'AZIONARIO EUROPEO
06/02/2019 08:45

Prosegue tranquilla, forse fin troppo, la marcia di avvicinamento degli indici USA principali verso l’ultimo ostacolo da superare, per invertire definitivamente al rialzo la tendenza di medio periodo e mettere poi nel mirino i massimi assoluti di settembre dello scorso anno.

A SP500 (+0,47% ieri) mancano 62 punti, poco più del 2%, per arrivare a quota 2.800, massimo del 3 dicembre, da cui partì il forte ceffone ribassista pre-natalizio. Al tecnologico Nasdaq100 (+0,91%) manca ancor meno, 84 punti, appena qualcosa più dell’1%, per raggiungere il suo analogo ostacolo a 7.107 punti.

Se i compratori non si spaventano già oggi e continueranno a comprare, la battaglia sulla resistenza verrà combattuta entro questa settimana, con un livello di forza relativa, indicato dall’indicatore RSI(14) che raggiungerà l’eccesso rialzista, chiamato ipercomprato.

Oggi verificheremo se il discorso sullo Stato dell’Unione, che Trump ha tenuto nella notte, riuscirà a sostenere l’ottimismo dei compratori. Al di là della solita propaganda sul miracolo economico che lui avrebbe portato, e che le inutili scaramucce politiche e le indagini pretestuose potrebbero guastare, ha annunciato battaglia sul muro col Messico, rinnovando l’ostilità nei confronti dei democratici e aumentando le probabilità che non si trovi un accordo per evitare un nuovo shutdown, che scatterebbe il 15 febbraio.

Il segnale più importante di ieri viene comunque dall’Europa, che pare essersi scossa dal torpore, approfittando di dati sugli indici PMI di gennaio in sostanziale tenuta, sia in Eurozona che in Germania, e di alcune trimestrali positive specialmente nel settore energetico.

Eurostoxx50 ha fatto un bel balzo (+1,57% con arrivo a 3.215 punti) e si è schiodato dalla lateralità che lo tratteneva da qualche seduta, confermando il trend rialzista di breve ed avvicinandosi  anch’esso al massimo del 3 dicembre scorso, che è a quota 3.245.

Analoga prova di forza ha dato il Dax tedesco (+1,71%), che però dista ancora circa un punto e mezzo dal suo ostacolo da superare.

Il nostro Ftse-Mib ha partecipato al rialzo generale con un po’ più di fatica (+1,16%), trascinato dal settore bancario, che è rimbalzato dopo alcune brutte sedute, ma frenato dalla constatazione che anche l’indice PMI di gennaio del comparto servizi è sceso di quasi un punto, sfondando il livello di 50, che separa prospettive di crescita da quelle di recessione. A quota 49,7 si è unito a quello manifatturiero, uscito a 47,8 la scorsa settimana, a confermare che il brutto clima economico nel nostro paese, mostrato dai dati sul PIL del 4° trimestre 2018, potrebbe proseguire anche nel trimestre in corso. La notizia ha anche impattato sul rendimento del nostro BTP decennale, che è risalito fino al 2,82%, 23 punti base in più di quanto rendeva a fine gennaio. Anche lo spread BTP-Bund è tornato a 263 punti, 20 in più di fine gennaio.

La salute del contesto azionario globale per ora ha consentito al nostro Ftse-Mib di recuperare quasi tutto il terreno perso giovedì e venerdì della scora settimana. Ma si nota molto bene la differenza tra l’indice italiano, che arranca sotto i massimi dell’anno, e tutti gli altri principali indici mondiali, che ieri i massimi del 2019 li hanno ancora una volta superati.

Non resta che attendere, con un po’ di preoccupazione per quel che potrebbe succedere in Italia quando il clima tornasse a peggiorare nel resto del mondo.

____________________________________________________________________________________________________
BORSAPROF.IT s.a.s. di Pierluigi Gerbino & c. - P. Iva e C.F.: 02980970046
V. Torino 81 - 12048 Sommariva Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

Le nostre NEWSLETTER ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.     >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<