Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

LA CADUTA DEGLI ANGELI
03/01/2019 08:45

Il rimbalzo post-natalizio del mercato azionario americano ha superato ieri la prova del rallentamento cinese, riuscendo a recuperare una partenza abbastanza negativa e trasformando in positivo il segno finale della seduta. E’ un risultato discreto, ma non ottimo, poiché l’indice più importante al mondo, SP500, una volta arrivato a testare i massimi del 28 dicembre a 2.520 punti, che dovevano essere superati per fornire un segnale di continuazione del rimbalzo, si è fermato ed ha rinunciato all’assalto. Questo comportamento denota che i compratori non sono così convinti che i problemi siano dietro le spalle, al punto da buttarsi a comprare sulla forza, mentre i venditori, appena i prezzi risalgono un po’ dai minimi, continuano ad alleggerirsi, insieme ai trader più veloci, che magari hanno aperto operazioni di “mordi e fuggi” prima di Natale.

Questo comportamento guardingo è stato di presagio alla notizia che ha scosso gli animi a mercati USA chiusi. Apple, il gigante tecnologico di Cupertino, in grado di condizionare da sempre gli indici quando comunica sorprese, ha lanciato un warning sui ricavi, rivedendo al ribasso le sue stime per il primo trimestre 2019 a 84 miliardi di $, contro i 91,5 previsti dal consenso degli analisti. Ha attribuito quasi del tutto il calo dei suoi ricavi al rallentamento delle vendite in Cina. Indirettamente ha perciò confermato la sensazione di gravi difficoltà a mantenere il passo da parte della maggiore economia industriale del mondo. Un’impressione già fornita nei giorni scorsi dal PMI manifatturiero di dicembre, sceso per la prima volta dall’agosto 2016 in territorio che segnala contrazione economica in arrivo.

La giornata odierna dovrebbe perciò partire in ribasso in Europa, così come è avvenuto ieri. Ma ieri gli indici europei hanno reagito bene e, dopo una prima mezz’ora fortemente negativa, è iniziato un recupero progressivo di fiducia, così che Eurostoxx50 ha chiuso in modesto calo, mentre il nostro Ftse-Mib ha ritrovato la parità ed il tedesco Dax addirittura un timido segno positivo.

Non sarà facile oggi ripetere la performance di ieri, anche se tutto dipenderà da Wall Street.

Apple è un indicatore importante, poiché condiziona il mercato dei semiconduttori e tutto il settore tecnologico, che è stato il motore rombante del trend rialzista terminato nell’ultimo trimestre dello scorso anno. Come spesso accade nei mercati orso le scivolate degli indici sono provocate proprio dalla caduta degli angeli, come vengono chiamate le star del mercato toro. Apple ieri, nell’after hour, ha rotto al ribasso il forte supporto di area 150 $. Se oggi confermasse questa debolezza potrebbe fornire un segnale di continuazione dell’avvitamento che le è già costato un -32% dai massimi assoluti di soli 3 mesi fa.

Oggi sarà perciò molto importante che SP500 riesca a tenere il minimo di ieri (2.467) poiché una rottura potrebbe comportare un ritorno dalle parti dei minimi della vigilia di Natale (2.351), annullando il tentativo di rimbalzo e riproponendo situazioni di panico. Il giovane orso, infatti, potrebbe mostrarsi non ancora sazio della scorpacciata pre-natalizia e voler assestare ai mercati un’altra zampata ribassista fin da subito.

Se invece il mercato USA supererà indenne anche la prova del warning di Apple, potrebbero riaffacciarsi nuovi compratori, ed il rimbalzo potrebbe proseguire col superamento di 2.520, presumibilmente almeno fino alla prossima resistenza di area 2.580, con grande beneficio anche per gli indici europei, come sempre al traino di quelli USA.

____________________________________________________________________________________________________
BORSAPROF.IT s.a.s. di Pierluigi Gerbino & c. - P. Iva e C.F.: 02980970046
V. Torino 81 - 12048 Sommariva Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

Tempi duri per il fai-da-te in borsa? Forse e' l'ora di imparare un metodo!

A Scuola di Trading Online:  È il percorso in 4 giornate per imparare a fare il trading online. La prima giornata è gratis. Clicca qui per saperne di più

Primi Passi con Futures e Opzioni: Per comprendere ed imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati. Clicca qui per saperne di più

Fare Trading con le Obbligazioni: Per entrare nel mondo delle obbligazioni ed utilizzarle per l’investimento ed il trading . Clicca qui per saperne di più

Riparte il Tour Formativo !! Ecco le date previste