Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Test Yellen superato. Sotto con le trimestrali
14/07/2017 08:32

La seconda audizione di fronte al Congresso della prendente FED Yellen non si è discostata granché dai toni della precedente, che erano stati molto graditi mercoledì dai mercati. Perciò i principali indici, che hanno tirato il freno a mana nella prima parte della seduta di ieri, temendo qualche rettifica tendente a calmare i toni, hanno potuto riprendere il rialzo nel pomeriggio, quando hanno sentito la Yellen manifestare addirittura qualche indecisione sull’evoluzione futura dell’inflazione. Ha infatti mostrato meno convinzione che nel recente passato che l’affievolimento delle pressioni inflazionistiche, che gli ultimi mesi hanno rivelato, sia dovuto a fenomeni transitori, destinati a scomparire presto.

Ed ha confermato che, comunque, non saranno necessari molti altri ritocchi ai tassi per raggiungere quel livello che renderà equilibrato il rendimento, cioè tale da fornire un’adeguata remunerazione ai prestatori senza ostacolare gli investimenti produttivi e la crescita. Insomma, il Paradiso non è lontano.

Di fronte a queste ulteriori rassicurazioni i mercati hanno proseguito il rialzo, anche se con minore impeto del giorno precedente. Il Nasdaq100 ha concluso la sua quinta seduta positiva consecutiva ed ha scavalcato il bordo superiore del canale ribassista in cui ha trascorso il suo tempo dal 9 giugno scorso. SP500 ha fatto un altro passettino verso i massimi assoluti, che ora distano la misera di soli 6 punti. Oggi basterà una salitina di 0,3% per fare un nuovo record. Record storico che è già riuscito al Dow Jones, che ha effettuato ieri la sua chiusura più alta di sempre, confermandosi come l’indice più in salute del panorama americano.

In Europa la digestione del forte strappo rialzista del giorno prima ha limitato il rialzo, ma non ha impedito all’Eurostoxx50 di fare un dignitoso +0,33% ed al nostro Ftse-Mib, tonico come non mai, di piazzare un altro +0,42% e scavalcare anche quota 21.500.

Dal momento che anche il petrolio ha dato segni di ripresa, riportandosi nei pressi dei 46 dollari al barile, la settimana si dovrebbe concludere positivamente, confermandoci la fine delle preoccupazioni dei mercati e la voglia di tornare sui massimi storici o annuali da parte di chi aveva corretto di più (gli indici europei ed il Nasdaq), mentre gli indici USA più tradizionali (Dow Jones e SP500), che avevano mantenuto i nervi più saldi in giugno, li stanno già testando.

Oggi parte in USA la stagione delle trimestrali con tre grandi banche americane che presenteranno i conti del secondo trimestre. Mi aspetto che arrivino ancora numeri piuttosto forti, che consentiranno forse di chiudere la settimana sui massimi.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.     >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<