Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

C'e' voglia di rimbalzo
09/05/2016 08:41

Nel pomeriggio di venerdì, proprio quando sembrava che non ci fosse più nulla da fare, anche perché dagli USA è arrivato un brutto dato sull’occupazione, i mercati azionari americani si sono aggrappati ai supporti e sono riusciti a rimbalzare da quel livello che avevo indicato come decisivo per il movimento di breve periodo.
L’indice USA SP500 ha infatti toccato il supporto di 2.040 punti pochi minuti prima delle 17, dopo un inizio di seduta debole ed incerto, trascinato al ribasso dalle perplessità sulla crescita americana, che sembra sempre meno convinta e che anche nella creazione di lavoro, come negli utili delle imprese, sta mostrando la corda.
Il dato arrivato alle 14,30 è bruttino (160.000 posti di lavoro creati ad aprile, contro i circa 200.000 attesi, minor slancio occupazionale dal settembre scorso). E’ certamente in grado di stoppare le residue velleità dei falchi della FED, che non avranno sicuramente gli argomenti per imporre alle colombe il rialzo dei tassi nella riunione del FOMC di giugno, e forse, perso quel treno, difficilmente la FED avrà il coraggio di stringere la politica monetaria in piena campagna elettorale, col rischio di  disarcionare la Clinton. Le prospettive di ritorno alla normalità monetaria subiscono l’ennesimo arresto e fino a fine anno non si dovrebbe più sentir parlare di rialzo dei tassi, a meno che non arrivino sorprendenti segni di vigore economico, che nessuno al momento se la sente più di prevedere, dopo che negli ultimi anni tutte le previsioni esuberanti di crescita sono state invariabilmente frustrate dalla prova dei numeri consuntivi, che impongono costantemente penose revisioni al ribasso.
Ma il dato occupazionale non è stato così devastante da imporre immediati timori di recessione, che per concretizzarsi necessiteranno di ulteriori e più significative prove di debolezza.
Ed allora, quando SP500 ha raggiunto il valore di 2.040, ecco che, magicamente, si sono riaffacciati i compratori ed è tornata ad imporsi la teoria del “tanto peggio, tanto meglio”. Gli investitori hanno ricordato che la stabilità dei tassi consente di continuare a finanziare la speculazione a basso prezzo. Le imprese potranno continuare ad imbellettare i bilanci con le manovre di buy back, che diminuiscono il flottante ed aumentano l’utile per azione anche quando il profitto scende in valore assoluto. La bassa crescita impedirà al dollaro di rivalutarsi troppo. Insomma è tornata di moda la visione rovesciata della realtà, che spinge le borse a salire quando l’economia si indebolisce (purché non crolli), perché sono sempre i tassi di interesse americani ad orientare le scelte degli investitori.
Da quel momento l’indice ha cominciato a recuperare, trascinando anche i mercati europei a chiudere la seduta assai meglio di quanto avessero mostrato per gran parte della giornata. La salita è continuata per il resto della seduta USA ed a fine giornata la chiusura si è attestata in positivo e sui massimi di giornata. Il che consente di leggere sui grafici che il supporto ha tenuto e stimolato un rimbalzo.
Il pericolo di avvitamento, per il momento, dovrebbe essere scampato e la nuova settimana dovrebbe  iniziare col piede giusto anche in Europa, dove le banche sono chiamate a smentire almeno in parte la brutta impressione fornita nelle ultime sedute.
Non è certo tornato il sereno, anche perché qualche indicazione negativa giunge dall’ Asia, dove l’indice giapponese Nikkei recupera qualcosa, ma senza troppa convinzione, e dove soprattutto sembra tornato il vento ribassista in Cina, a causa di un pessimo dato sulla bilancia commerciale diramato ieri, che ha mostrato ad aprile un nuovo rallentamento sia delle importazioni che delle esportazioni, dopo che a marzo si era visto qualche miglioramento.
Ma le borse europee guardano soprattutto ad ovest, per cui oggi si dovrebbe sfruttare la spinta all’ottimismo che viene da Wall Street e la negatività che ha colpito per tutta la settimana scorsa i mercati azionari occidentali potrebbe lasciar spazio ad un tentativo di rimbalzo, specie se il prezzo del petrolio riuscirà a tenersi aggrappato ai massimi.
Insomma, non venderei ancora la pelle del …toro, anche perché il Vix venerdì è riuscito a mantenersi tranquillo sotto quota 15, e, senza l’aumento di questo indice della paura oltre i 17 punti, grosse scivolate non sono all’ordine del giorno.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI