Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Petrolio e FED convincono Wall Street
07/04/2016 08:34

Anche ieri la voglia di rimbalzo dei mercati azionari europei ha dovuto combattere per tutta la seduta contro il pessimismo di fondo che pervade gli investitori quando guardano i titoli bancari. La seduta è stata pertanto caratterizzata da frequenti attraversamenti della linea di parità e dal frazionale sfondamento dei minimi del giorno precedente da parte di Eurostoxx50 e dei principali indici europei, prima che Wall Street, superate le incertezze iniziali, dettasse un’indicazione rialzista in grado di portare un decente segno positivo davanti alla performance della giornata.
La rottura finale degli indugi in direzione del rimbalzo non merita aggettivi diversi da “decente”, poiché non è apparsa troppo convinta e soprattutto è stata completamente etero-diretta.
Il merito va ascritto esclusivamente al potente rimbalzo del petrolio, che è partito proprio alle 16,30 ed ha permesso di recuperare più di un dollaro alle quotazioni in pochi minuti, dando l’impressione che sul greggio tornino a prevalere le aspettative positive sull’esito della riunione OPEC che si terrà il 17 aprile.
Nella notte il contratto futures scadenza maggio del WTI Crude Oil ha superato anche i 38 dollari, portando quasi al 9% il rialzo complessivo delle ultime due sedute.
L’ottima cera del petrolio ha rassicurato Wall Street, che con l’indice SP500 ha annullato completamente il ribasso del giorno precedente, traendo motivi di fiducia anche dalle minute della scorsa riunione del FOMC, da cui si evince la scarsissima probabilità che i tassi vengano alzati nella riunione di aprile.
E’ bastato questo mix a fermare la minicorrezione di Wall Street, ma non ancora a rassicurare pienamente le borse europee, che restano assai più deboli degli indici americani.
La questione banche continua a pesare e per il settore anche ieri le speranze di inversione rialzista di breve periodo è stata frustrata.
Sono soprattutto quelle italiane ad essere all’angolo. L’affanno del governo a trovare in fretta una soluzione viene vista da molti investitori come una manifestazione di panico e pertanto le banche più bersagliate nei giorni scorsi (su tutte il Banco Popolare) anche ieri sono scese, mentre quelle che hanno abbozzato un rimbalzo hanno poi chiuso lontane dai massimi raggiunti in mattinata.
A chi non capisce il motivo per cui anche quelle più solide vengono colpite dai ribassi, accomunate alla sorte di quelle più “chiacchierate”, può forse servire constatare che al momento le soluzioni esplorate dallo strano direttorio riunitosi a Palazzo Chigi (Padoan e i presidenti o Amministratori delegati delle principali banche italiane, dell’associazione delle Fondazioni bancarie e della Cassa Depositi e Prestiti) cercano di evitare l’uso di fondi pubblici per non far arrabbiare la commissione europea e la Vigilanza BCE. E questo significa solo che il peso degli interventi per salvare il “sistema” peserà in gran parte sulle banche che hanno oggi le spalle più larghe (Intesa, Unicredit e UBI). Con questo clima la diffidenza dei mercati pare più giustificata.
Oggi sarà importante verificare se Wall Street confermerà la ripresa e tornerà con SP500 a puntare verso quella quota 2.080 che da parecchi giorni è nel mirino ma mai raggiunta.
E di conseguenza se le borse europee forniranno finalmente un segnale di inversione rialzista di breve, che ieri non è arrivato. Non darei nulla per scontato.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.     >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<