Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Che Fatica Rimbalzare
02/10/2015 08:40

Dopo il forte rimbalzo di martedì la seduta di ieri è partita con grande euforia, grazie al dato sull’indice PMI manifatturiero cinese, leggermente migliore delle attese, che ha interrotto uno stillicidio di dati cinesi costantemente peggiori del previsto, che durava da mesi. Le borse cinesi non ne hanno potuto approfittare, perché chiuse per 5 sedute a causa di una lunga festività. Hanno festeggiato i mercati azionari asiatici e quelli europei, almeno nella parte mattutina della seduta.
L’apertura in gap rialzista degli indici europei per la seconda seduta consecutiva era comunque un fardello un po’ troppo pesante da portare per tutta la seduta.
Pertanto l’indice più debole di Eurozona, che in questo periodo è il tedesco Dax, ha subito approfittato di un dato sul PMI manifatturiero tedesco peggiore del previsto per chiudere il primo gap e portarsi in negativo. La discesa è poi proseguita ed ha coinvolto anche gli indici più forti dell’eurozona, come il nostro Ftse-Mib. Nel pomeriggio poi ci ha messo del suo anche Wall Street, che dopo un’apertura incerta ha risentito dell’indice ISM manifatturiero peggiore delle stime e di una dichiarazione ansiogena di Lacker, uno dei componenti del FOMC, che non ha escluso un rialzo dei tassi nella seduta di ottobre della FED, per retrocedere con l’indice SP500 di circa un punto percentuale e causare la precipitosa ritirata delle borse europee, che hanno chiuso tutte in negativo la seduta. Particolarmente pesante è stato il calo dell’indice tedesco (-1,57%) che risente da tempo della perdita di credibilità internazionale causata dallo scandalo “dieselgate” e si presenta costantemente tra i più deboli di Eurozona. Ma anche gli indici francese ed italiano hanno chiuso sui minimi di seduta, seppure con cali inferiori al punto percentuale.
I grafici presentano sugli indici europei candele non proprio edificanti nell’ottica di una prosecuzione del rialzo.
E’ vero che poi Wall Street si è rinfrancata e l’indice SP500 ha chiuso la seduta in positivo, ma ormai i mercati europei avevano già tirato giù la saracinesca e stamane la riapriranno con qualche ammaccatura non semplice da dimenticare.
La seduta odierna rimarrà comunque appesa al dato che verrà pubblicato alle 14,30 e che riguarderà la creazione di posti di lavoro non agricoli in settembre negli USA. E’ un dato che la FED considera molto importante per decidere sulla politica monetaria. Gli analisti scommettono in una intensificazione delle assunzioni, prevedendo oltre 200.000 nuovi impieghi, in crescita dopo i 170.000 di agosto. Inutile dire che dati superiori alle attese avvicinerebbero il rialzo dei tassi, mentre valori significativamente inferiori lo renderebbero meno imminente.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.   Prova 1 mese GRATIS!

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  Prova 1 mese GRATIS!

In più avrai la possibilità di partecipare ai Webinar (almeno 2 al mese) riservati agli iscritti a GOLD e GAP.