Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Fallito il primo rimbalzo
24/09/2015 08:34

La doccia fredda che nella notte di ieri è arrivata dalla Cina, con la nuova lettura del PMI manifatturiero attestatasi a quota 47, inferiore alle attese e largamente al di sotto del livello (50) che separa prospettive di crescita da quelle di rallentamento economico, ha condizionato più i listini americani che quelli europei.
Nel vecchio continente, dopo una partenza titubante e il momentaneo superamento dei minimi del giorno precedente, è partito quasi subito un rimbalzo che, trainato dal recupero dei titoli che il giorno prima avevano accusato le maggiori perdite (Volkswagen ed il settore auto, le utility tedesche) si è fatto strada in mattinata fino a raggiungere le prime resistenze intraday, coincidenti con il punto di partenza del secondo impulso ribassista di martedì. Niente di spettacolare, però, dato che gli indici non sono stati nemmeno in grado di tentare il recupero della profonda discesa accusata martedì mattina.
Questa mancanza di convinzione ha fatto storcere il naso a parecchi osservatori e probabilmente ha smorzato gli entusiasmi. La partenza incerta di Wall Street ed il passaggio in negativo dell’indice americano SP500 nel pomeriggio, hanno riportato indietro gli indici europei. Non sono servite a rianimare i mercati neppure le parole di Draghi, che ha ripetuto davanti al Parlamento Europeo gli stessi concetti espressi ad inizio settembre: preoccupazione per la crisi degli emergenti e disponibilità a estendere il programma QE se necessario. Nella parte finale di seduta, quando si è aggiunto un tonfo inatteso quanto repentino dei prezzi del petrolio, appena dopo che le scorte americane erano state comunicate in diminuzione più del previsto, si è completato l’annullamento quasi completo del recupero mattutino ed il ritorno nei pressi dei valori di chiusura del giorno precedente. Il segno positivo che sia l’indice Eurostoxx50 che il Dax ed il Ftse-Mib sono riusciti a mantenere per il rotto della cuffia non deve ingannare. Quando si chiude in guadagno di una frazioncina di punto percentuale, dopo che il giorno prima se è perso dal 3 al 4%, non è una vittoria, ma una sconfitta. Di fatto il ribasso si è consolidato e la tendenza si è confermata.
Non mi stupirei pertanto che oggi ripartisse il calo dei mercati, per giungere abbastanza in fretta nei pressi dei primi obiettivi ribassisti che hanno nel mirino. Li indico in dettaglio, dato che potrebbero essere già oggetto della cronaca odierna. Per l’indice tedesco Dax l’arrivo è a quota 9.483. Praticamente c’è già arrivato ieri, prima di rimbalzare ed oggi potrebbe addirittura sfondare quel livello, dimostrandosi l’indice europeo più debole del momento, come è abbastanza logico, dato che il terremoto “dieselgate” ha lì il suo epicentro. Per Eurostoxx50 l’area obiettivo è a quota 3.000 circa. Il nostro Ftse-Mib, che ieri ha già raggiunto il primo target a 20.950, potrebbe ora puntare a 20.200.
L’indice americano SP500, sicuramente meno volatile dei mercati europei, è anch’esso orientato a raggiungere un primo obiettivo ribassista in area 1.905 e successivamente potrebbe ritestare il doppio minimo di agosto a 1.867.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI