Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Camminare sulle uova
20/06/2014 09:29

L’euforia post-FED, che mercoledì ha permesso alle borse americane di rompere i precedenti massimi per l’ennesima volta, ha contagiato i mercati asiatici ed europei, che ieri hanno realizzato un rialzo analogo a quello messo a segno dagli indici USA la sera prima.
Compiuto l’aggancio nelle prime battute, il resto della giornata è passato in laterale, dapprima in attesa di capire se l’indice SP500 avesse ancora entusiasmo da manifestare, poi, nel finale, adagiandosi sulla immobilità americana dovuta alla necessità di consolidare i livelli raggiunti e di sistemare qualche posizione in attesa che oggi passi il giorno delle 3 streghe, cioè la scadenza tecnica di giugno.
Per tornare sull’argomento FED, occorre rimarcare ulteriormente la cura con cui Janet Yellen, nella conferenza stampa, ha cercato di non disturbare il mercato. Ha evitato di cadere, come a marzo, nella trappola dei giornalisti che hanno chiesto quando avverrà il rialzo dei tassi, ha continuato ad affermare che il tempo dei tassi a zero sarà ancora lungo perché la disoccupazione è ancora alta, ha ignorato, bollandoli come semplice “rumore”, i recenti rialzi nell’indice dei prezzi al consumo.
Le grandi case di investimento americane hanno interpretato il messaggio come molto rassicurante e come un invito a proseguire nel carry trade e nell’assunzione di rischio. Per questo gli indici hanno reagito immediatamente ed univocamente.
Ieri, a mente fredda, qualcun altro, oltre al sottoscritto, ha cominciato a riflettere che questo atteggiamento sembra essere un segno che la Yellen è ostaggio dei mercati, ed evita di affrontare i problemi negando addirittura l’evidenza, per paura che gli investitori si innervosiscano. La sua opera tenta di tenere insieme due scenari che, evidentemente, insieme non possono camminare. Da un lato per impedire il nervosismo dei mercati obbligazionari, insiste a dire che permangono incertezze nella crescita e che non ci sono pressioni inflazionistiche tali da imporre rialzi dei tassi. Per sostenere l’azionario continua a prevedere tassi di crescita assai sostenuti, che è costretta a rivedere al ribasso non appena la realtà prevale sull’illusione.
Con questo atteggiamento accentua ulteriormente il nuovo paradigma esistente da tempo nel rapporto tra banche centrali e mercati finanziari. Un modo di interpretare le proprie funzioni che si è affermato sempre più da qualche anno a questa parte. Un tempo la classica funzione del banchiere centrale era quella di perseguire la stabilità monetaria, controllare e neutralizzare le forze che tale stabilità avrebbero potuto minare. Il suo ruolo era quello tipico dello sceriffo dell’economia e dei mercati finanziari. Spesso le decisioni dei banchieri centrali, mai comunicate in anticipo, e nemmeno motivate nei dettagli, avendo come scopo quello di proteggere l’economia reale, configgevano con i desideri degli spiriti animali che guidano da sempre l’andamento dei mercati finanziari, dove la speculazione è il sale della terra. Ma i banchieri non se ne curavano. Anzi, se ne facevano quasi un vanto.
Poi, con l’arrivo della grande deregulation e la avvento dei grandi investitori (banche d’affari e fondi hedge), dotati di enormi capitali ed ampio potere manipolativo, le banche centrali hanno imparato che non possono più ignorare l’andamento dei mercati, perché i crolli possono causare effetti devastanti ed i grandi soggetti non possono fallire perché trascinerebbero con sé l’intera economia, come ha dimostrato il caso Lehmann nel 2008. Da sceriffi temuti e rispettati sono diventate come un piccolo commissariato di polizia di una località in mano alla camorra, che si sente accerchiato dal “nemico” ed è costretto a patteggiare il quieto vivere. Non più controllori inflessibili ma “conniventi “ con la speculazione, per tentare di tenere in piedi quell’enorme castello di carte che è diventato la finanza mondiale, che non può assolutamente cadere. Non più rigidi educatori alle virtù finanziarie, ma genitori pietosi che assecondano gli eccessi del figlio tossicodipendente per timore che spacchi tutto se va in crisi di astinenza.
Per far ciò debbono continuamente camminare sulle uova. Il rischio di una frittata è sempre dietro l’angolo, ma, fino a quando tutti continueranno a credere alla realtà virtuale delle previsioni, le uova non si romperanno.
Tutti sanno che la frittata, prima o poi, diventerà pressoché inevitabile. Ma nessuno sa quando questa avverrà. E soprattutto tutti pensano ad approfittare della festa convinti che le lacrime toccheranno agli altri.
Possiamo dar torto a chi continua a rimanere sui trend in atto, finchè continuano? Certamente no. Però dobbiamo aggiungere l’avvertenza di non uscire mai di casa senza ombrello, perché può arrivare in qualunque momento, e magari senza preavviso, quella resa dei conti sempre rinviata, quando la realtà prenderà il sopravvento sulle illusioni e le bolle scoppieranno, dando torto a qualcuno (o a tutti) tra quelli che, finora a ragione, credono che sia l’obbligazionario che l’azionario non possano far altro che salire all’infinito.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

UN AIUTO PER LA TUA OPERATIVITA'

I nostri SERVIZI INFORMATIVI ti aiutano a guadagnare in borsa con un metodo chiaro, semplice, efficace e, soprattutto, replicabile!
 

GOLD, Report Quotidiano sul Mercato Azionario, fornisce ogni giorno indicazioni di acquisto e vendita sul azioni italiane, sulle blue chips  europee e sui principali ETF-ETC quotati.     >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<

GAP, Report settimanale per investire con ottica di medio periodo su Fondi ed ETF.  >>>  Provalo GRATIS per un mese!  <<<