Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Aspettando il menu' di Draghi
05/06/2014 08:37

L’attesa per il Draghi Day si è fatta snervante ed i mercati sfogano da qualche giorno la loro ansia con oscillazioni intraday, che vengono però rintuzzate entro fine giornata, fino ad esprimere chiusure molto vicine a quelle del giorno prima.
Ieri ad agitare un po’ le acque ha provveduto in mattinata il PMI europeo, francamente un po’ deludente, e nel pomeriggio la creazione di posti di lavoro americana nel settore privato, stimata da ADP sotto le previsioni degli analisti. Ma il dato sull’ISM manifatturiero ha battuto le attese rinforzando le aspettative di un secondo trimestre in decisa accelerazione, almeno negli USA.
Il fatto che i vari dati si siano sostanzialmente compensati ha permesso di far passare senza emozioni di rilievo anche l’ultimo giorno di attesa.
Oggi, alle 13,45 e poi a seguire, alle 14,30 con al Conferenza Stampa ufficiale, Draghi dovrà scoprire le sue carte e presentare il menù di interventi concreti.
Ha sempre affermato che la sostanza degli stimoli monetari sarebbe dipesa dai dati sull’inflazione di giugno e ha lasciato capire che avrebbe voluto un euro decisamente più basso di 1,40 sul dollaro. Martedì scorso l’inflazione dell’ Eurozona è stata ufficialmente stimata al tasso annuo dello 0,5%, in calo dal 0,7% del mese scorso e minore delle attese degli analisti, anch’esse allo 0,7%. Inoltre parecchi indicatori segnalano sofferenza produttiva e difficoltà a mantenere il ritmo di crescita persino per la virtuosa Germania. La stagnazione produttiva e la deflazione dei prezzi continuano a rappresentare un rischio sempre più evidente. Per finire, tutto sommato non è che l’euro sia disceso poi in modo così evidente, dato che staziona da giorni intorno a 1,36.
Pertanto direi proprio che Draghi non ha più scuse. Deve intervenire e con la massima potenza di fuoco disponibile.
Le armi teoricamente sarebbero molte ma praticamente non tutte utilizzabili all’unanimità. Occorrerà verificare che cosa la Bundesbank approverà. Credo che Draghi non abbia nel’intenzione né la forza di spingere ad una decisione a maggioranza che escluda i tedeschi, anche se per statuto BCE potrebbe farlo.
Il mercato si attende un ricco menù, a partire da una sforbiciata del tasso ufficiale di rifinanziamento presso la BCE (Refi Rate) di 15 punti base, da 0,25% a 0,10% e contemporaneamente l’inedito passaggio in negativo da zero al -0,10% del Depo Rate, cioè il tasso previsto per i fondi inutilizzati dalle banche e depositati sul conto presso la BCE. Inoltre il mercato vuole una sorta di QE mediante acquisto di obbligazioni ABS sul mercato per importi cospicui e magari anche una nuova versione LTRO di finanziamenti speciali al sistema bancario, eventualmente legati all’effettuazione di prestiti a imprese e famiglie.
Se Draghi fornisse tutto questo menù, probabilmente i mercati festeggerebbero, andando a superare livelli storici, avvicinati nei giorni scorsi ma non oltrepassati.
Per intenderci, quota 10.000 punti per l’indice tedesco Dax e 21.930 (massimo del 2014) per il nostro Fib.
Un menù dietetico, che prevedesse solo qualcosa dei piatti sopra illustrati, probabilmente deluderebbe i mercati in misura inversamente proporzionale alle calorie monetarie che verranno messe in tavola.
A mio parere se Draghi rinvierà anche stavolta il banchetto i mercati rovesceranno i tavoli.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI