Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Vendesi Cerini Accesi
26/03/2014 08:39

Continua il su è giù dei mercati in quella che sembra essere una estenuante fase di crescente  volatilità, ma senza direzione. Dopo la scivolata di lunedì, ieri abbiamo assistito al pronto recupero dei listini principali, con l’indice tedesco Dax, il più brillante di giornata, che è riuscito ad annullare quasi completamente la lunga candela nera del giorno precedente  .
Sostanzialmente gli indici non riescono a fornire segnali di correzione di medio periodo, poiché i loro cali vengono “controllati” e ripresi da flussi di acquisto da parte di chi forse non ha interesse a consentire per ora correzioni significative. Ma non riescono neppure a far segnare nuovi massimi, come invece dovrebbe avvenire se il trend fosse ancora vitale come a gennaio.
Fasi si lateralità come l’attuale possono nascondere un periodo accumulativo oppure distributivo. Ovviamente la risposta esatta si avrà soltanto a posteriori, quando tra qualche tempo potremo verificare se da questa indecisione sarà nato un impulso rialzista oppure ribassista.
Ora possiamo cercare di fare ipotesi, sulla base delle tracce che lasciano sui grafici i comportamenti aggregati degli investitori.
La prima cosa che notiamo è che l’indecisione avviene in zona massimi, dopo un trend rialzista di oltre 5 anni e con oscillatori calcolati sui grafici settimanali piuttosto tirati. E’ un primo segnale di affaticamento da parte di quegli investitori che hanno sostenuto per molti mesi (dal novembre 2011) l’ultimo impulso rialzista, che ha portato gli indici principali ben al di sopra dei massimi del precedente ciclo, realizzati nel 2007.
La seconda traccia da osservare è l’aumento della volatilità intraday (la lunghezza delle barre giornaliere dei prezzi). Quando avviene senza direzionalità, come in questa situazione, è segno di aumento del nervosismo e di scricchiolii nell’equilibrio preesistente, che era smaccatamente a favore dei rialzisti e vedeva procedere gli indici al rialzo senza tentennamenti.
Un'altra traccia di affaticamento è data dalle diffuse divergenze, sia su base settimanale che giornaliera, che si individuano tra il comportamento degli indici e quello dei più noti oscillatori. La presenza di divergenze molto spesso anticipa le inversioni di trend e dimostra la perdita di “momentum”, cioè di accelerazione, da parte del trend in atto.
Un ultimo segnale da osservare si presenta sui volumi di contrattazione. I futures sui principali indici mondiali (SP500 e Dax) evidenziano da mesi volumi crescenti nelle fasi di momentaneo calo e volumi in calo nei recuperi. E’ un altro tipo di divergenza, che rivela una chiara diminuzione nella partecipazione al mercato ed il prevalere dei controvalori venduti su quelli acquistati.
Tutti questi segnali mi portano a pensare che le probabilità siano a favore del carattere distributivo del’attuale fase di indecisione e che quindi ciò che scaturirà dovrebbe essere una correzione abbastanza marcata. Attenzione: non significa che si debba assistere fin da subito all’inversione di trend. Questa fase sostanzialmente laterale potrebbe benissimo protrarsi ancora per qualche settimana e potrebbe anche verificarsi un ulteriore ritocco dei massimi assoluti da parte di questi indici. Però se non assisteremo ad impulsi convinti ed estesi, sarà bene cogliere le eventuali ulteriori salite come occasione di alleggerimento ben pagato, più che come occasioni di acquisto, onde evitare di ritrovarsi col classico cerino in mano quando il trend invertirà.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA - ESTATE:  9 Video per imparare a fare bene il trading online.

Il primo webinar è gratis. Gli altri sono disponibili fin da subito e fino a fine settembre in edizione registrata.

Inoltre sarai iscritto al prossimo ciclo in diretta che partirà a settembre.

                                           SCOPRILI QUI