Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Impressioni che possono ingannare
05/02/2014 08:36

Ieri i mercati azionari occidentali, dopo lo scivolone di lunedì, posticipato a ieri dall’indice giapponese Nikkei, reggono alla pressione mattutina delle vendite e riescono a concludere la seduta in positivo, se si eccettua l’indice tedesco.
Il rimbalzo non deve ingannare, poiché, se è vero che ha prodotto candele bianche giornaliere per la prima volta dopo alcuni giorni, è anche vero che è riuscito a recuperare abbastanza poco del terreno perso in precedenza. Sull’indice USA SP500 un rialzo di 14 punti dopo averne persi 40 il giorno prima, equivale ad un recupero di appena poco più di un terzo e non riesce ad attribuire al movimento un carattere che vada al di là del mero rimbalzo tecnico.
Vale perciò ancora pienamente quel che ho scritto ieri. Per parlare di probabile fine della correzione occorre che SP500 riesca a riportarsi in modo non effimero sopra i 1.800 punti. Gliene mancano ancora 45, per cui è assai presto per credere alle impressioni, che potrebbero trasformarsi in cocenti delusioni.
Del resto anche l’indice giapponese sta faticando a non perdere ulteriore terreno. Stamane è riuscito a chiudere la seduta in modesto rimbalzo, ma è già da considerare un successo la tenuta di quota 14.000 punti dell’indice Nikkei.
Per l’Europa non si può dire nulla di meglio, dato che l’indice tedesco è riuscito a perdere anche ieri, quando gli altri rimbalzavano.
Verrebbe quasi da aggrapparsi al nostro Ftse-Mib, che è riuscito a recuperare quota 19.000 punti, che al mattino sembrava irrimediabilmente persa. Anche qui comunque la strada è impervia, poiché la resistenza da superare prima di cantare vittoria è a 19.520 (massimo di lunedì scorso).
Credo che occorra qualcosa di più dell’ottimismo di Letta, che esulta per i risultati ottenuti dalla sua visita col cappello in mano agli emiri del Golfo Persico, siccome gli hanno promesso l’elemosina di 500 milioni di investimento nel nostro paese. Certo, se li confrontiamo con i soldi che gli italiani stanno portando all’estero, col valore delle attività produttive che vengono chiuse in Italia per essere riaperte in Romania o in altri paesi balcanici, e se defalchiamo anche il costo per le casse dello stato del viaggio negli Emirati spesi da Letta e dall’inutile codazzo di burocrati e ministeriali al seguito, non resta molto per esultare.
Ma, si sa, Letta riesce a vedere sempre il bicchiere pieno, anche quando qualcuno glielo ha appena scolato.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA - ESTATE:  9 Video per imparare a fare bene il trading online.

Il primo webinar è gratis. Gli altri sono disponibili fin da subito e fino a fine settembre in edizione registrata.

Inoltre sarai iscritto al prossimo ciclo in diretta che partirà a settembre.

                                           SCOPRILI QUI