Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Le Armi della Finanziaria (di Pierluigi Gerbino)
08/06/2010

Ti piacerebbe guadagnare in borsa in 5 minuti al giorno?
Il nostro report GOLD ti propone un metodo chiaro, semplice e facilmente replicabile!
Clicca qui per provarlo GRATIS per un mese!
Quasi tutti i media ed il governo ci hanno raccontato in queste settimane che la crisi finanziaria, provocata da quella gentaglia che risponde al nome di “specualzione” ha improvvisamente cambiato le sorti del nostro paese.
La ripresa stava arrivando. Eravamo già fuori dalla crisi economica, che comunque ci aveva colpito meno di “altri”, grazie alla saldezza di Tremonti, all’operosità del nostro governo e alla sagacia del nostro premier, in grado di mettere d’accordo in pochi minuti tutti i premier europei per salvare l’euro.
Purtroppo quei banditi dei fondi hedge non hanno capito ed hanno continuato l’accanimento contro l’euro. Per far ciò stanno mandando a picco i prezzi dei nostri titoli di stato, innalzando le cedole che si devono pagare sulle nuove emissioni. Che sfortuna!
Tutto questo non ci sta capitando perché il nostro paese è nella lista dei paesi meno credibili dell’area euro. Figuriamoci! Abbiamo il deficit minore di “altri”. E’ che la speculazione vuole affondare l’euro ed allora ha scelto di picchiare noi per bastonare l’euro. E’ un vero peccato che i mercati non apprezzino le nostre virtù.
Purtroppo tutti quanti gli “altri” dell’area euro si siano spaventati, mettendosi rapidamente a tirare la cinghia e a predisporre cospicue manovre di rientro del deficit. Così anche noi, che non ne avremmo bisogno, ma, si sa, bisogna pur dare l’esempio, abbiamo dovuto anticipare la finanziaria di un mese. Ma niente paura. Come ha detto Silvio, col sorriso finto ma la gamba che, sotto il tavolo, non voleva fermarsi un attimo, “abbiamo dovuto rinviare il taglio delle tasse”.
Questo è quel che ci hanno detto.
Mettendoci una settimana a definire i dettagli, che ora sono diventati tutti modificabili con il solito maxiemendamento del governo, quando le varie correnti della maggioranza avranno trovato l’accordo, ci hanno comunicato il conto da pagare. L’Italia, che, fino ad un mese fa, “non necessita di manovre correttive” (Tremonti dixit), dovrà digerire un bel bocconcino da quasi 500 euro a testa nel biennio 2010-2011.
Si tratta di 24 miliardi che dobbiamo tirare fuori in qualche modo, soprattutto tagliando i finanziamenti alle amministrazioni locali, che così ridurranno la spesa sociale e l’assistenza alle sempre più numerose famiglie sotto la soglia di povertà. Ma anche bloccando stipendi pubblici, liquidazioni e pensionamenti, con conseguenze serie per quelli che già devono mantenere i figli trentenni che non trovano lavoro. Con la prospettiva, oltretutto, che a fine anno arrivi un secondo bocconcino più o meno delle stesse dimensioni, dato che tutti quelli che non hanno occhi ed orecchie foderati di mortadella sanno che le stime di gettito e di PIL del governo sono esagerate e la realtà imporrà una nuova correzione a fine anno.
Come ci ha detto il nostro premier, “il momento è difficile e tutti devono dare il loro contributo…”; “Siamo tutti sulla stessa barca…” (tranne PierSilvio, che si è appena comprato un bel panfilo da 18 milioni per la sua famiglia, recentemente ingranditasi. Vedete che generosità? Così sull’altra barca stiamo tutti un po’ più comodi). Ed allora dobbiamo digerirlo, questo boccone “per sostenere la ripresa”.
C’è una cosa però che il nostro premier ha dimenticato di ricordarci, nella fretta di cambiare discorso e passare alle barzellette, con cui si trova molto più a suo agio che a parlare di sacrifici.
Si è dimenticato di dirci che proprio mentre si approvavano i tagli e le tasse per gli italiani, il governo ha regalato al ministro dell’Inter e della Difesa Ignazio La Russa qualche giocattolino con cui passare l’estate, in attesa che riprenda il campionato di calcio.
Si tratta di 131 caccia-bombardieri F-35, 121 caccia Eurofighter e 100 (perché non 101?) elicotteri NH90. Le forze armate si rifanno il guardaroba.
Costo complessivo dello shopping militare: 29 miliardi, 5 in più di quanto verrà tolto dalle tasche degli italiani con la finanziaria.
Possiamo essere così qualunquisti da dire che era meglio rinunciare a queste armi per evitare i tagli e le tasse della finanziaria?
Possiamo essere così privi di amor patrio per pensare che tutta questa ferraglia non serve a difendere il nostro paese da nessuna delle minacce che ora stiamo subendo (mafia, corruzione, illegalità diffusa, povertà di massa, declino economico)?
Possiamo essere così anti-italiani da pensare che queste macchine da guerra serviranno a migliorare la vita soltanto ai mercanti di morte da cui sono state comprate, mentre, se verranno usate, faranno a polpette masse di poveracci in giro per il mondo?
Si. Possiamo.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI