Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Focus Macroeconomico
31/01/2006

Ti piacerebbe guadagnare in borsa in 5 minuti al giorno?
Il nostro report GOLD ti propone un metodo chiaro, semplice e facilmente replicabile!
Clicca qui per provarlo GRATIS per un mese!

Settimana nera sul fronte macroeconomico. Venerdì pomeriggio è stato comunicato un dato preliminare sul PIL americano del 4° trimestre 2005 molto inferiore alle aspettative e attestato al livello più basso dal 2002.

La crescita annualizzata scende così al 1,1%, un bel tonfo dal 4,1% relativo al trimestre precedente, soprattutto se si confronta con le previsioni degli analisti , che attendevano un dato in calo, ma pur sempre intorno al 3%.

La debolezza congiunturale è stata motivata dal rallentamento dei consumi, l’eterno motore dell’economia americana, che negli ultimi anni non sono mai scesi, ma che ora stanno mostrando il fiato un po’ grosso. Il motivo al rallentamento nella crescita dei consumi, specialmente in beni durevoli, che sono addirittura calati, è una miscela che contiene sia l’aumento dei tassi, che rende meno conveniente l’acquisto a debito e rateale, che il venir meno di due potenti carburanti dell’ottimismo americano: la riduzione delle tasse, che si è fermata a causa della necessità di ridurre il colossale deficit federale e di finanziare la ricostruzione della Louisiana, ed il venir meno dell’effetto ricchezza fornito dal continuo gonfiamento dei prezzi delle abitazioni, che hanno cominciato lentamente a diminuire il loro contributo al PIL.

Gli investimenti hanno in parte supplito al rallentamento dei consumi, ma il loro contributo crescente non è stato in grado di compensare del tutto la mancata spinta dei consumi. A peggiorare le cose si è aggiunto anche il timore che il protrarsi dell’aumento dei prezzi del petrolio, nuovamente vicino ai massimi annuali, possa fornire ulteriori spinte inflazionistiche in grado di costringere in futuro la Fed a rialzare nuovamente i tassi, anche se nel breve periodo, proprio a causa del dato sul PIL, oltre che dell’avvicendamento al timone della Fed che avviene in questi giorni, non si dovrebbero vedere ulteriori rialzi nei tassi.

A peggiorare lo scenario relativo alla crisi energetica sono venuti i risultati elettorali in Palestina, col trionfo del movimento terrorista Hamas, che stendono ombre sinistre sul processo, già difficile, di pacificazione della regione. E’ sintomatico che i mercati petroliferi abbiano reagito con un secco rialzo alla notizia.

Guardando ai prossimi giorni, segnalo la presenza ancora di molte comunicazioni societarie in grado di condizionare i mercati, ma anche una nutrita serie di dati macro.

Martedì la fiducia dei consumatori e la decisione sui tassi della Fed; mercoledì l’indice ISM manifatturiero; giovedì sarà la volta dei tassi BCE e della Produttività USA; venerdì giornata assai ricca, con la fiducia del Michigan, i dati sul mercato del lavoro e l’indice ISM servizi.

 

 

MARKET MOVERS   dal  31 Gennaio al 6 Febbraio 2006

 

Quelli che seguono sono gli avvenimenti economici della settimana che considero più importanti, cioè quelli che con maggiore probabilità sono destinati ad influenzare l’andamento dei mercati. In USA tali avvenimenti vengono chiamati “Market Movers”. Chi desidera consultare l’elenco completo degli avvenimenti macroeconomici della settimana può accedere al seguente link internet: http://www.bancaintesa.it/ist/jsp/HP_UfficioStudi.jsp. Chi desidera l’elenco degli appuntamenti societari americani lo può trovare qui: http://money.cnn.com/news/companies/firstcall/.

 

Giorno

Ora

Dove

Evento

Preced.

Previs.

Commento

Mar. 31

10:00

GER

Nuovi occupati gennaio

+110.000

-25.000

 

 

11:00

EUR

Indice di Fiducia economica gennaio

100,5

101

 

 

11:00

EUR

Inflazione stima flash gennaio a/a

2,2%

2,4%

 

 

16:00

USA

PMI Chicago gennaio

60,8

59,7

Negativo se < di previs.

 

16:00

USA

Fiducia Consum. Conf. Board gen.    

103,6

105

Negativo se scende

 

20:15

USA

FOMC: Annuncio Tassi       

4,25%

4,5%

Aumento già scontato

 

 

 

Comunicazioni societarie:Altria, Google, Merck, Unocal

Mer. 1.2

10:00

EUR

PMI manifatturierogennaio

53,6

54

 

 

16:00

USA

Spesa in costruzioni dicembre m/m

+0,2%

+0,3%

 

 

16:00

USA

Indice ISM manifattur. gennaio

55,6

55,3

Negativo se < di previs.

 

 

USA

Riserve petrolio settimanali

 

 

 

 

 

 

Comunicazioni societarie:Boeing, Time Warner

Gio. 2

11:00

EUR

Prezzi alla produzione dicembre a/a    

+4,2%

+4,6%

 

 

13:45

EUR

Annuncio Tassi BCE       

2,25%

2,25%

 

 

14:30

USA

Sussidi disoccupazione settimanali       

283.000

304.000

 

 

14:30

USA

Costo del lavoro 4° trim t/t a

-1%

+2,2%

 

 

14:30

USA

Produttività non agr. 4° trim t/t a

4,7%

1,8%

Negativo se < di previs.

 

 

 

Comunicazioni societarie: Alcatel, Amazon, Royal Dutch Shell,

Ven.  3

10:00

EUR

PMI servizigennaio

56,8

57

 

 

14:30

USA

Nuovi posti di lavoro gennaio

+108.000

+225.000

Negativo se < di previs.

 

14:30

USA

Tasso di Disoccupazionegennaio

4,9%

4,9%

 

 

15:45

USA

Fiducia Consum. Michigan gen.    

91,5

93,4

positivo se oltre previs.

 

16:00

USA

Ordini industriali dicembre m/m

+2,5%

+1%

 

 

16:00

USA

Indice ISM non manif. gennaio

61

59

Negativo se < di previs.

Lun. 6

12:00

GER

Ordini all’industria dicembre m/m

1,3%

 

 

Legenda:  In neretto i dati più importanti;  a/a= anno su anno;   m/m= mese su mese;  t/t= trimestre su trimestre; t/t a= trimestre su trimestre annualizzato; ann. = dato annuo; prel.= preliminare; rev.= revisione; def.= definitivo;  Preced.= ultimo dato pubblicato;  <= minore; >= maggiore; Previs.= media previsioni analisti; mln= milioni; mld= miliardi; $=dollari

Dati tratti da Ufficio Studi Banca Intesa; Bloomberg. Commenti di Borsaprof.it

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI