Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Il Bond è Lento, l'Azione è Rock?
08/11/2005

Ti piacerebbe guadagnare in borsa in 5 minuti al giorno?
Il nostro report GOLD ti propone un metodo chiaro, semplice e facilmente replicabile!
Clicca qui per provarlo GRATIS per un mese!
L’Italia intera è condizionata dal tormentone che il mitico molleggiato ha introdotto da tre settimane. Non si può evitare di tagliare a fette ogni aspetto della vita e classificarlo in uno dei due scomparti che questo “manicheismo relativista” ci ha confezionato. Persone, cose e fatti vengono catalogati: lento oppure rock. Il bello è che il molleggiato si è guardato bene dal definire che cosa si debba intendere per “lento” o “rock”. Così ciascuno può riempire come vuole il contenitore.
Allora partecipiamo al gioco, ovviamente nell’ambito che ci è più consono, relativo ai mercati finanziari.
Gli ultimi giorni ci consegnano uno scenario che vede i mercati obbligazionari irrimediabilmente “lenti”. Gli ultimi dati macroeconomici provenienti dagli USA ci hanno delineato un quadro piuttosto robusto della congiuntura americana. A parte il dato sul PIL di fine ottobre, molti altri indicatori sono apparsi ultimamente migliori delle attese degli esperti, dando così ragione alla lettura della Federal Reserve, che in questi mesi ha sempre sottolineato la solidità della congiuntura economica americana.
Se aggiungiamo poi le pressioni inflattive, che si sono ultimamente manifestate in modo piuttosto esuberante, e che forniscono l’unica fonte di preoccupazione, almeno nel breve termine, per la Federal Reserve, otteniamo il cocktail che ha spinto al ribasso le quotazioni sull’obbligazionario, in coincidenza con il rialzo dei tassi di mercato anche sulle scadenze medio-lunghe, che solo due mesi fa sembravano avviati verso gli stessi livelli delle scadenze brevi.
Anche in Europa, benchè non si pongano problemi di eccessiva crescita economica, il timore di fiammate inflazionistiche ha spinto Trichet a dichiarare che la BCE segue attentamente la situazione pronta ad ogni evenienza. Ciò significa, nella traduzione più accreditata, che a dicembre o al più a gennaio anche in Europa avremo l’avvio della stretta creditizia con il primo segnale di rialzo dei tassi a breve, fermi da oltre 2 anni al 2%.
Che il mercato stia ormai scontando questa eventualità lo si coglie anche dall’azione dei prezzi che quotidianamente si può osservare sul contratto future relativo al titolo di stato tedesco, il bund.
Lo sfondamento dell’importante livello di 121 ed il raggiungimento di 119,50 non ha soltanto posto fine al trend rialzista di lungo periodo innescando una correzione di medio termine, ma ha modificato il comportamento delle forze di mercato. Il Bund tende a rimanere a lungo schiacciato sui supporti, con reazioni estemporanee e di pochi centesimi. I volumi sono rilevanti sui ribassi e moderati sui rimbalzi. Segno che il mercato in questo momento è in mano ai venditori.
Proprio i buoni dati macro hanno invece consentito alle borse azionarie di mettere a segno un buon rimbalzo dai minimi di ottobre, che le candida diventare potenzialmente piuttosto “rock”.
E’ vero che se la politica monetaria diventerà restrittiva un po’ dappertutto, come si teme, le borse avranno poche possibilità di dare molto pascolo al toro. Tuttavia la constatazione di una certa saldezza economica della locomotiva americana, unita alla presentazione di trimestrali tutto sommato buone da parte delle società anche nel terzo trimestre, rende maggiormente sostenibile la tenuta delle borse o addirittura una moderata crescita anche in un periodo improntato alla ripresa dell’inflazione. Non dimentichiamo che per le azioni anche le prospettive di utile rivestono una certa importanza, oltre alle condizioni monetarie.
Il tutto però a patto che la ripresa dei prezzi si mantenga graduale e non imponga alle autorità monetarie brusche accelerazioni nel ritmo di aumento dei tassi.
Per ora le borse sembrano accreditare l’ipotesi, avendo messo a segno un corposo rimbalzo dai minimi di ottobre, sostenute anche dai vistosi segni di rallentamento che provengono dai prezzi del petrolio, che tenta da qualche giorno di portarsi al di sotto dei 60 dollari al barile.
L’indice giapponese Nikkey è senza dubbio quello maggiormente rock, poiché in questi giorni ha messo a segno addirittura nuovi massimi annuali. Gli indici americani Nasdaq e SP550 suonano anch’essi melodie abbastanza vivaci, poichè hanno già ritracciato oltre i due terzi del calo dai massimi dell’anno e sembrano in grado di trasformare il calo in un movimento sostanzialmente laterale. Decisamente meno tonico è il nostro Mibtel, che sta cercando le forze per oltrepassare il 50% del ritracciamento della pesante flessione subita nel mese scorso, cosa che, se riuscisse, lo riporterebbe oltre 25.700 ed al di sopra della trend line che identificava il movimento positivo di lungo termine, abbandonata frettolosamente con il calo del 19 ottobre.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI