Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Voltare Pagina
02/11/2005

Ti piacerebbe guadagnare in borsa in 5 minuti al giorno?
Il nostro report GOLD ti propone un metodo chiaro, semplice e facilmente replicabile!
Clicca qui per provarlo GRATIS per un mese!
Dopo i pesanti cali del mese di ottobre sui mercati finanziari il mese si è concluso con il tentativo di rimbalzo necessario a scaricare i pesanti eccessi accumulati per settimane.
A dire il vero sui mercati azionari la situazione non è affatto uguale dappertutto, anzi.
A fronte di una certa debolezza europea e soprattutto italiana, non si registra affatto panico in USA, dove il mercato si è addirittura riportato nuovamente sopra 1200 (valore di SP500) e tantomeno in Giappone, dove si è interpretato il mese di ottobre inchiave di pausa di consolidamento dello strappo rialzista messo a segno quest’estate. Appena dall’America è giunto il segnale di rimbalzo, l’indice nipponico si è nuovamente incamminato in territorio rialzista riportandosi quasi ai massimi di settembre.
L’impressione che si trae ossevando i mercati è quella del “voltare pagina”. In Europa la debolezza relativa rispetto alle altre aree del mondo credo debba essere infatti giustificata proprio dalla convinzione dei mercati che il lungo periodo di stabilità dei tassi di interesse a livelli bassi stia per finire. Il rialzo dei tassi, l’ennesimo, attuato in USA ieri sera, ha portato i rendimenti a breve sui Fed Funds al 4%, valore che ora è esattamente il doppio del corrispondente tasso della BCE. E’ vero che in Europa non c’è affatto la crescita economica che anche nel 3° trimestre è stata confermata in USA (3,8% su base annua), però è anche vero che l’ultima rilevazione dell’inflazione nell’area UE (2,5% a settembre) ha indicato per il terzo mese consecutivo valori significativamente superiori all’obiettivo indicato dalla BCE, che è fissato al 2%. Pertanto i mercati, ricordando che lo Stauto della BCE pone come unico obiettivo alla Banca Centrale il controllo del potere d’acquisto interno ed esterno dell’Euro, stanno tirando le conclusioni e cominciano ad attendersi l’inizio della manovra restrittiva sui tassi in Europa. Probabilmente non avverrà ancora domani, ma è molto probabile che entro i primi mesi del 2006 avremo i tassi superiori al 2%. A conferma di ciò si nota che anche i prezzi sul mercato obbligazionario stanno voltando pagina e si allontanano dai valori raggiunti in estate, quando si pensava che lo spettro della deflazione fosse l’evento più probabile in Europa. Il future sul Bund tedesco, che è il riferimento per il mercato obbligazionario europeo, nei giorni scorsi ha dato importanti segnali di debolezza, frantumando il livello di supporto di 121,20 ed avviandosi verso il prossimo obiettivo di medio periodo in area 117. La massa dei risparmiatori non ha ancora percepito questo cambiamento di scenario, ma i segnali di deterioramento del quadro rialzista, che aveva sorretto il mercato obbligazionario dal 2002 in avanti, sono evidenti. Sottovalutarli continuando ad investire in titoli a tasso fisso e durata lunga li esporrà a perdite notevoli. Ritengo addirittura che al momento sia più rischioso investire in obbligazioni a tasso fisso che in azioni. Anche in Giappone sembra che si sia definitivamente voltato pagina. Qui però lo scenario, per quanto riguarda l’economia, è passato dal negativo al positivo. Infatti sembra ormai acquisita l’uscita dalla pluriennale recessione e pare assai remoto il rischio di inflazione, in un paese che in passato ha caso mai avuto problemi opposti.
Merita quindi di essere presa in considerazione la possibilità che proprio l’azionario nipponico finisca per essere un porto abbastanza sicuro in momenti di mareggiata sulle borse europee ed americane, poiché mentre qui il ciclo rialzista dei mercati pare arrivato alla frutta, nel paese del sol levante ha ancora molta strada da fare.
Anche in USA si sta voltando pagina, ma qui non tanto nell’andamento dell’economia che, anzi, mostra ancora molta vitalità, quanto piuttosto nelle stanze del potere.
La designazione di Ben Bernanke al posto di Greenspan a partire dal febbraio prossimo sta dando parecchio lavoro agli analisti, che ormai interpretavano alla perfezione ogni sfumatura nel linguaggio di Greenspan. Sono ora indaffarati ad fare ipotesi se alla Fed avremo continuità o rottura con i comportamenti del passato. Il toto-Bernanke sembra per ora indicare, una maggiore attenzione ai pericoli inflazionistici da parte del nuovo timoniere, anche se ovviamente l’imprinting di Greenspan sulla macchina della Fed non sarà facile da cancellare. Credo però che il nuovo governatore, essendo accreditato di un quoziente di intelligenza da genio, sicuramente sarà in grado di stupire. L’altra vicenda, che ha segnato il definitivo tramonto della fiducia degli americani nel loro Presidente, è la ben nota trama spionistica del Nigergate, che sta trascinando nella polvere i più stretti collaboratori del vice-presidente Cheeney, e potrebbe forse portare all’incriminazione dello stesso Cheeney, qualora emergesse un suo attivo coinvolgimento nella falsificazione delle prove e nel seguente depistaggio delle indagini.
Sorprendentemente la vicenda, pur coinvolgendo i massimi livelli della Casa Bianca, non sta avendo nessuna conseguenza sui mercati, quasi che si stia dando per scontato che Bush non rischia l’impechment perché all’oscuro di tutto. La cosa è plausibile, dato il potente filtro alle informazioni che l’entourage del Presidente ha sempre attuato a protezione del capo e della sua nota allergia verso l’approfondimento dei problemi.
Tuttavia anche da questo fronte caldo è sempre possibile avere sorprese, specie se ricordiamo il trambusto che suscitarono sui mercati le vicende, sicuramente meno serie, dell’affare Clinton-Lewinsky di qualche anno fa.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI