Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

Focus Macroeconomico
31/10/2005

Ti piacerebbe guadagnare in borsa in 5 minuti al giorno?
Il nostro report GOLD ti propone un metodo chiaro, semplice e facilmente replicabile!
Clicca qui per provarlo GRATIS per un mese!
La settimana del PIL americano non ha deluso le aspettative. Anzi, la rilevazione della crescita economica USA del 3° trimestre è stata particolarmente forte e, con un sonante +3,8%, ha superato le attese degli esperti che si fermavano intorno al 3,3%. E’ vero che il dato rappresenta solo la prima delle tre stime, quella statisticamente soggetta a maggior imprecisione, però è innegabile che quanto meno emerga la capcità di superare l’effetto uragani molto meglio del temuto. I giornali ci spiegano che la causa della performance va ricercata soprattutto nei consumi delle famiglie, come sempre ben intonati a dispetto di chi teme rallentamenti nella capacità di spesa degli americani, e tra questi al vero boom negli acquisti di automobili, alla faccia del caro-benzina. In realtà la voglia di auto è dipesa molto dal fatto che in questo periodo i principali venditori si stanno facendo concorrenza a suon di sconti esagerati e certamente non sosteniili a lungo, e questo spinge parecchi americani ad anticipare gli acquisti.
Va quindi prestata una certa attenzione a questo dato, poiché nei prossimi trimestri, quando finiranno le campagne-sconto, potrebbe rappresentare fonte di delusioni.
La robusta capacità di crescita del PIL ha così dato ragione a Greenspan, che lo aveva previsto nei mesi scorsi, e giustificato i buoni risultati aziendali in termini di fatturato e profitti, che in questi giorni vengono presentati dalle trimestrali societarie americane. E’ anche riuscita a favorire uno scatto d’orgoglio nei listini americani in chiusura di settimana, che ha consentito di contenere il ribasso ed impostare un tentativo di rimbalzo.
L’impressione però che ricavo dai dati che si susseguono in queste settimane è però quella del canto del cigno anche dal punto di vista macroeconomico. Infatti dobbiamo considerare che la prima conseguenza sarà quella di spingere la Fed a ritoccare ancora i tassi nella prossima riunione del 1 novembre e successivamente il 13 dicembre. Greenspan dovrebbe consegnare al suo successore Ben Bernanke, nominato da pochi giorni, un livello dei tassi ufficiali al 4,25% e probabilmente questi dovrebbe portarli al 4,50% prima di fermarsi per un po’ a vedere i risultati di tale politica.
Inoltre dai managers delle società, se vengono indicazioni positive sul passato recente, raramente sentiamo previsioni ottimistiche sul trimestre in corso. Quasi tutti prevedono rallentamento oppure non si sbilanciano e mantengono molta cautela. Infine, per quel che conta, sono ormai alcuni mesi che la fiducia dei consumatori mostra rilevazioni in discesa e anche questo dato non depone molto a favore di una prosecuzione del rally dei consumi, anche se in passato abbiamo già più volte assistito a consumatori americani pessimisti ma non per questo meno spendaccioni, anzi sembra quasi che laggiù lo sport preferito sia proprio il “carpe diem”.
Le prossime settimane si incaricheranno di confermare o smentire queste impressioni.
La prima di novembre ci porta parecchi dati interessanti dall’America, tra cui segnalo sprattutto gli indici ISM (martedì e giovedì), le statistiche sul mercato del lavoro (venerdì) e la produttività (giovedì).

MARKET MOVERS dal 31 Ottobre al 4 Novembre 2005

Quelli che seguono sono gli avvenimenti economici della settimana che considero più importanti, cioè quelli che con maggiore probabilità sono destinati ad influenzare l’andamento dei mercati. In USA tali avvenimenti vengono chiamati “Market Movers”. Chi desidera consultare l’elenco completo degli avvenimenti macroeconomici della settimana può accedere al seguente link internet: http://www.bancaintesa.it/ist/jsp/HP_UfficioStudi.jsp. Chi desidera l’elenco degli appuntamenti societari americani lo può trovare qui: http://money.cnn.com/news/companies/firstcall/.

Giorno
Ora
Dove
Evento
Preced.
Previs.
Commento
Lun. 31
8:00
USA
Vendite al dettaglio settembre m/m
+0,1%
+0,5%
14:30
USA
Spese per consumi settembre m/m
-0,5%
+0,4%
14:30
USA
Redditi Familiari settembre m/m
-0,1%
+0,3%
16:00
USA
PMI Chicago ottobre
60,5
57,5
Negativo se < di previs.
Comunicazioni societarie:Terna
Mar. 1.11
ITA
Borsa Aperta
10:00
EUR
PMI manifatturieroottobre
51,7
52,5
16:00
USA
Indice ISM manifattur. ottobre
59,4
56,5
Negativo se < di previs.
16:00
USA
Spesa in costruzioni settem. m/m
+0,4%
+0,5%
USA

Vendite automobili ottobre

16,4 mln
15,5 mln
20:15
USA

FOMC: Annuncio Tassi

3,75%
4%
Aumento già scontato

Comunicazioni societarie:UBS, Colgate-Palmolive, Sun, Procter&Gamble

Mer. 2
10:00
GER
Nuovi occupati ottobre
+39.000
-20.000

Comunicazioni societarie:Continental, Time Warner, Henkel

Gio. 3
10:00
EUR
PMI serviziottobre
54,7
55
13:45
EUR

Annuncio Tassi BCE

2%
2%
Negativo se aumentano
14:30
USA

Sussidi disoccupazione settimanali

328.000
325.000
14:30
USA
Costo del lavoro 3° trim t/t a
+2,5%
+1,9%
14:30
USA

Produttività non agr. 3° trim t/t a

1,8%
2,4%
Negativo un calo
16:00
USA
Ordini industriali sett. m/m
+2,5%
-0,3%
16:00
USA

Indice ISM non manifatt. ottobre

53,3
56,8
Negativo un calo
16:00
USA
Intervento di Greenspan al congresso
Comunicazioni societarie:Unilever, BMW
Ven. 4
11:00
EUR

Prezzi alla produzione settem. a/a

+4%
+4,3%
11:00
EUR

Tasso disoccupazione settembre

8,6%
8,6%
12:00
GER
Ordini all’industria settembre m/m
-3,7%
+1,4%
14:30
USA
Nuovi posti di lavoro ottobre
-35.000
+75.000
Negativo se < di previs.
14:30
USA
Tasso di Disoccupazioneottobre
5,1%
5,1%
Comunicazioni societarie:Total, Italcementi

Legenda: In neretto i dati più importanti; a/a= anno su anno; m/m= mese su mese; t/t= trimestre su trimestre; t/t a= trimestre su trimestre annualizzato; ann. = dato annuo; prel.= preliminare; rev.= revisione; def.= definitivo; Preced.= ultimo dato pubblicato; <= minore; >= maggiore; Previs.= media previsioni analisti; mln= milioni; mld= miliardi; $=dollari

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI