Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

L'URAGANO ANTHONY
27/09/2005

Ti piacerebbe guadagnare in borsa in 5 minuti al giorno?
Il nostro report GOLD ti propone un metodo chiaro, semplice e facilmente replicabile!
Clicca qui per provarlo GRATIS per un mese!

Le ultime giornate sui mercati finanziari sono state condizionate più dalla meteorologia che da ogni considerazione economica.

Per giorni le fosche previsioni circa il passaggio dell’uragano Rita hanno inchiodato i mercati al di sotto dei massimi di periodo, in attesa di contare i nuovi danni che avrebbe provocato alla già devastata area costiera del Golfo del Messico. Il prezzo del petrolio ha risentito in modo clamoroso dell’avvicendarsi delle previsioni meteo, risalendo fin quasi a 70 dollari e ripiegando poi nuovamente verso 60 appena lo scampato pericolo ha tranquillizzato i mercati.

Colgo comunque un certo nervosismo del mercato, dovuto alla constatazione che buona parte della produzione petrolifera americana, che viene dalle piattaforme del Golfo del Messico, è pesantemente condizionata in questo periodo dall’avvicendarsi di uragani di dimensione e forza notevole. Se fino a qualche tempo fa eventi di questa gravità capitavano a distanza di anni, le mutazioni climatiche sembrano aver fortemente accelerato ed aggravato la formazione delle tempeste tropicali e certamente la cosa non è di quelle che possano mettere a tacere la speculazione o garantire facilità di approvvigionamenti ad una domanda petrolifera che cresce sempre più per merito sia del boom economico dei nuovi giganti asiatici (Cina ed India) che della crescita americana, ancora piuttosto sostenuta. Sembra perciò difficile ipotizzare per il medio termine flessioni nel prezzo del petrolio che vadano oltre le semplici correzioni momentanee di un trend destinato a mantenersi al di sopra di quota 60 dollari. Con tutte le conseguenze che tale situazione potrà portare dal lato delle pressioni inflazionistiche, che qua e là cominciano a manifestarsi dopo due anni di ininterrotta ascesa del costo del barile, che in tale periodo è quasi triplicato.

Per chi si interessa dei fatti di casa nostra le ultime convulse giornate ci hanno regalato l’uragano Anthony, con la clamorosa telenovela “Anche i Fazio piangono” che ha visto il ritorno sulla scena da protagonista di Giulio Tremonti, un attore dalle grandi doti spettacolari che già avevamo apprezzato in passato.

La puntata girata al G7 ed all’assemblea del fondo Monetario è stata memorabile ed ha attirato l’attenzione divertita dei leaders economici di tutto il mondo, ormai abituati, come hanno dichiarato alcuni, ad attendersi dall’Italia simili bizzarri spettacoli.

Al di là della facile ironia, dobbiamo prendere atto che la grave caduta di stile istituzionale si inserisce all’interno di crescenti difficoltà ad imbastire una legge finanziaria credibile, a 3 giorni ormai dalla scadenza ultima.

Il susseguirsi di cifre sempre crescenti intorno all’entità della manovra (si dice ormai che sarà di 25 miliardi di euro), ma soprattutto il quasi assoluto silenzio sul come si reperiranno queste risorse lascia pensare che ancora una volta il destino del nostro paese sarà nelle mani della “finanza creativa” di Mago Tremont, che dovrà tirare fuori dal cappello qualche altro coniglio in grado di acquietare la commissione UE, che comincia a mostrare qualche segno di nervosismo nei nostri confronti, spaventata dal fatto che in assenza di provvedimenti il rapporto deficit-pil sembra destinato a superare addirittura quota 5,5% nel 2006.

A preoccupare gli osservatori stranieri ed i mercati, oltre alle dimissioni di Siniscalco, che si era personalmente impegnato a ricondurre il deficit-pil al 3,8%, è la delicata situazione preelettorale, che non spinge certo a prendere provvedimenti strutturali. La nomina di Tremonti lascia supporre piuttosto che anche in questo frangente si attingerà alla fantasia del ministro per cercare provvedimenti una-tantum (si riparla di condono) e cartolarizzazioni varie, in modo da far emergere risparmi di bilancio che non costino voti.

Va detto che lo spread BTP-Bund, che è il termometro del rischio-Italia, per ora non si è ancora schiodato da valori intorno ai 20 basis points. E’ il più alto livello tra i paesi dell’euro ed è il doppio di quel che avevamo sei mesi fa, ma durante tutto il reality show offerto da Fazio non è peggiorato. Segno che i mercati stanno attendendo per valutare i provvedimenti concreti e qualche chance al governo Berlusconi la stanno ancora dando.

Probabilmente a salvarci è il fatto che al centro della scena nell’area euro è lo stallo politico che sta vivendo la Germania, con crescenti difficoltà a formare una coalizione stabile di governo. La debolezza dell’euro di questi giorni sembra perciò più colpa della politica tedesca che dei pasticci italiani.

Tuttavia non è detto che le prossime settimane, quando si squarcerà il velo della manovra nostrana, i mercati non attuino quel che per ora hanno rinviato, cioè un aumento della percezione del rischio-Italia, con conseguenze devastanti sugli interessi dei nostri titoli di stato e la formazione di un circolo vizioso interessi-spesa-deficit che causerebbe, questo sì, una tempesta tropicale sul bilancio dello stato.

 

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI