Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

BORSA SU' ECONOMIA GIU'
18/01/2005

Ti piacerebbe guadagnare in borsa in 5 minuti al giorno?
Il nostro report GOLD ti propone un metodo chiaro, semplice e facilmente replicabile!
Clicca qui per provarlo GRATIS per un mese!

Le ultime giornate sui mercati finanziari hanno mostrato segni di tenuta da parte dei principali indici azionari, che dopo uno storno abbastanza significativo, soprattutto in America, hanno rfermato il calo ed abbozzato un rimbalzo a partire dai primi livelli di supporto. Ora la situazione è sostanzialmente aperta ed i prossimi giorni si incaricheranno di risolvere l’enigma se quella che abbiamo vista è stata soltanto una pausa di riflessione all’interno del lungo trend rialzista destinato a raggiungere gli obiettivi conclusivi di 1250 per SP500, 2320 per Nasdaq, 4480 per Dax e area 24200 per il nostro Mibtel, oppure se la rottura dei minimi della settimana scorsa segnerà una inversione di trend almeno per il breve periodo ed un appesantimento della correzione.

Saranno piuttosto importanti nei prossimi giorni i dati societari relativi all’ultimo trimestre, che in USA hanno iniziato ad essere comunicati e nei prossimi giorni si infittiranno.

Il dollaro sta vivendo anc’esso un momento di relativa grazia, nonostante i brutti dati sul saldo della bilancia commerciale americana dei giorni scorsi. Il recupero sembra in questo momento voler testare il livello di 1,30, che se venisse violato potrebbe portare il movimento di recupero anche fino all’area 1,25-1,26. Credo comunque che il recupero del dollaro sia soltanto di natura correttiva e che sarà seguito da una ulteriore vampata dell’euro verso e probabilmente oltre i recenti massimi di 1,36.

Il dato su cui vorrei un attimo riflettere questa settimana è però la forza evidente ed inaspettata, almeno a giudicare dallo stupore che anche i giornali specializzati hanno mostrato nell’annunciarla, del nostro mercato azionario. Il nostro indice Mibtel proprio ieri ha ritoccato ancora una volta il massimo relativo, a differenza di tutti gli altri mercati più importanti, che sono ancora ben sotto il precedente massimo.

La forza del nostro indice stride con i piagnistei della Confindustria e gli allarmi dei principali istituti di ricerca economica, che da mesi parlano di declino industriale del nostro paese e di incapacità cronica di crescita, nonostante l’ottimismo governativo. Siccome non si può pensare che il taglio delle tasse abbia prodotto effetti così positivi sulle prospettive del nostro paese da giustificare l’ottimismo del mercato di questi ultimi mesi, bisogna chiedersi perché la Borsa sale mentre l’economia langue, realizzando un paradosso che può mettere in crisi la fiducia che molti investitori rivestono nei mercati finanziari come termometro dell’andamento dell’economia.

La risposta, a mio parere, è abbastanza semplice. La Borsa italiana non riflette l’andamento dell’economia italiana, o almeno non di tutta l’economia italiana, come del resto possiamo affermare che l’indice Eurostoxx50, cresciuto anch’esso decisamente negli ultimi mesi, non riflette l’andamento dell’asfittica economia europea. Nell’indice SPMIB, che riflette l’80% dell’importanza dell’intero mercato, infatti, non si trovano rappresentate in modo fedele tutte le realtà che compongono il variegato panorama economico italiano. A ben vedere le realtà appartenenti al settore industriale si contano sulle dita di una mano. La maggior parte delle società del nostro principale paniere sono società di servizi, in particolare di servizi di pubblica utilità e imprese bancarie. E’ noto che le utility e le banche siano generalmente società dove non si realizza una significativa concorrenza. Gran parte delle utility italiane sono direttamente o indirettamente ex monopoliste (pensiamo a Eni, Enel, Telecom, Tim, Saipem, Terna, Snam gas, Autostrade), mentre le numerossissime banche fanno parte di una realtà dove l’attenta vigilanza del Governatore Fazio ha impedito e continua ad impedire l’accesso di colossi stranieri, proteggendo così le banche italiane dalle insidie competitive che una liberalizzazione degli accessi potrebbe portare.

Non deve quindi stupire che se il Sistema Italia fa acqua da tutte le parti e la competitività delle imprese italiane più esposte alla concorrenza internazionale viene erosa continuamente, questo fatto non venga registrato nell’andamento della nostra Borsa. Queste società infatti sono minimamente rappresentate.

La nostr Borsa riflette la realtà poco concorrenziale del sistema bancario e dei servizi ex monopolistici, dove la cocorrenza è una parola che riappresenta più un sogno che una realtà.

La conseguenza è quindi che mentre buona parte del tessuto produttivo italiano perde i pezzi e cominciano a diventare molte le imprese anche blasonate in procinto di essere vendute a stranieri, la maggior parte delle società dell’indice SPMIB nel 2004 ha continuato a macinare utili in crescita. E’ ovvio pertanto che la Borsa salga, perché il suo compito è valutare nei prezzi la capaità reddituale delle società quotate. Non è colpa del Mibtel se in esso è rappresentato un paese immaginario.

 

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI