Dal 2000 aiutiamo a
fare trading con metodo,
con newsletter e corsi
in tutta Italia.
GRATIS per te Le Newsletter I Corsi
 

SI VOLTA PAGINA
12/01/2005

Ti piacerebbe guadagnare in borsa in 5 minuti al giorno?
Il nostro report GOLD ti propone un metodo chiaro, semplice e facilmente replicabile!
Clicca qui per provarlo GRATIS per un mese!

Alla ripresa dopo la pausa natalizia, cerchiamo di fare il punto della situazione sui mercati finanziari.

Fino all’ultimo giorno dell’anno vecchio i mercati azionari hanno pervicacemente recitato il solito copione: salire piano, ma salire. La volatilità si è contratta fino al punto di annullarsi quasi, mentre le quotazioni si arrampicavano pian piano verso gli obiettivi finali del movimento rialzista, che avevo indicato nelle settimane precedenti: 1250 per SP500, 2320 per Nasdaq, 4480 per Dax e area 24200 per il nostro Mibtel. Soprattutto non mostravano nessun segnale di cedimento, nonostante la presenza di forti eccessi (sul nostro indice Mibtel si sono visti valori dell’oscillatore RSI che in precedenza si erano registrati soltanto a dicembre 1999, in piena bolla speculativa) o di divergenze ribassiste in formazione (su tutti i principali altri indici: SP500, Nasdaq, Dax, Eurostoxx50). L’idilliaco quadretto sembrava completarsi con la debolezza del dollaro, che in questi mesi ha sempre favorito il mercato azionario americano (e di conseguenza anche quello degli altri paesi) ed il calo del prezzo del petrolio, tornato in prossimità dei 40 dollari al barile, ben distante dal record di ottobre a 55 dollari.

Si sono udite le grida di giubilo dei gestori dei fondi, per il secondo anno consecutivo in performance positiva, mentre i guru esultavano per aver in maggioranza azzeccato la previsione di crescita moderata dell’indice SP500 compresa tra il 5 ed il 10%. Erano parecchi anni che la maggioranza degli esperti non azzeccava le previsioni. Costoro puntualmente prevedono ogni anno una crescita moderata della borsa compresa tra il 5 ed il 10%. Erano diversi anni che ciò non accadeva ma è finalmente successo.

Quando tutto sembrava andare per il verso giusto, con l’inizio dell’anno nuovo è bastato un rimbalzo del dollaro e del petrolio, accompagnato a qualche timore della Federal Reserve sul riacutizzarsi dell’inflazione per far completamente voltare pagina a partire dalla prima seduta del 2005. Gli indici americani hanno innestato la retromarcia e messo in atto l’inizio di quella correzione a lungo rimandata, perdendo la prima settimana dell’anno chi il 2% (SP500) chi oltre il 4% (Nasdaq).

La cosa sorprendente è stata l’assoluta noncuranza dei mercati europei allo storno americano. La solida relazione che lega le sorti europee all’andamento di Wall Street è sembrata tramontare improvvisamente.

L’america scendeva ma le Borse Euro ritoccavano i massimi ogni giorno. Tutto ciò fino a ieri.

Oggi le vecchie regole del gioco sono tornate a prevalere. L’incapacità di rimbalzare prontamente dai supporti ha innescato una prima ondata di prese di beneficio in Europa ed anche sulla nostra Borsa, che ha perso oltre l’1%, come non si vedeva dal 6 agosto scorso.

L’inizio d’anno alquanto incerto getta ora un’ombra scura sulle certezze rialziste dell’industria del risparmio gestito e di quella che io chiamo “la Finanza con la F maiuscola”. Sui settimanali specializzati, che a fine anno si prodigano a fare l’oroscopo ai mercati intervistando Guru e Gestori, non ho letto nessuna previsione di calo per il 2005. Come al solito la previsione più gettonata è stata quella di una ripetizione dei risultati del 2004, con qualche temerario ad ipotizzare un rialzo leggermente più blando o uno strappo consistente verso i massimi.

Se andasse come prevede la maggioranza sarebbe un record storico, poiché non è mai capitato che la maggioranza abbia azzeccato per due anni consecutivi.

Ad annebbiare le carte ci si mettono poi le statistiche varie, tanto amate e seguite dagli americani.

Su questo tema c’è divergenza più totale. Infatti da un lato c’è chi fa notare che nel 2005 cade l’inizio del secondo mandato presidenziale americano, che non ha quasi mai portato bene alle borse. Inoltre non manca chi fa notare che sembra esserci una relazione diretta tra il modo in cui si comincia l’anno borsistico ed il risultato finale. C’è chi nota che molto spesso l’anno termina nella stessa direzione intrapresa dalla prima settimana di gennaio. Altri hanno fatto notare che l’andamento del primo mese prefigura quasi sempre l’andamento dell’anno intero. Allora, se il buon giorno si vede dal mattino, diciamo che la mattinata dell’anno borsistico non è iniziata proprio col piede giusto. La prima settimana è stata negativa e se il mese di gennaio dovrà chiudere positivamente sarà il caso che le borse non tardino troppo a riprendersi dallo scrollone subito in questi giorni.

Per fortuna c’è anche chi ha fatto notare una statistica tra le più bizzarre, vale a dire “la legge del 5”. Sembra che da oltre un secolo gli anni contraddistinti dal numero finale 5 si sono chiusi con un rialzo di borsa e quello appena iniziato è il 2005.

Insomma, comunque vada ci sarà qualcuno che potrà dire: “Visto? L’avevo detto. Le statistiche non mentono mai”.

Basta trovare la statistica giusta.

____________________________________________________________________________________________________
Pierluigi Gerbino - P. Iva 02806030041
v. Torino 81 - 12048 Sommariva del Bosco (CN)

I contenuti, le analisi e le opinioni pubblicati in questo sito sono realizzati da Pierluigi Gerbino, che se ne assume la responsabilità a tutti gli effetti. Tutti i diritti di utilizzo, riproduzione e divulgazione sono riservati. Nessuna parte del sito potrà essere prelevata, trasmessa, tradotta, pubblicamente esposta, distribuita o incorporata in altre opere d'ingegno.

VUOI FARE TRADING CON SODDISFAZIONE?

IMPARA IL TRADING DA CASA:  9 Webinar in diretta e differita per imparare a fare bene il trading online. Il primo webinar è gratis.

FARE TRADING CON LE OBBLIGAZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per capire il mondo delle obbligazion per l’investimento ed il trading .

APRI LA PORTA A FUTURES ED OPZIONI: 2 Webinar in diretta e differita per imparare ad utilizzare nel tuo trading gli strumenti finanziari derivati.

                                           SCOPRILI QUI